DCIaaS: la nuova sigla per il mondo cloud

Il comparto delle soluzioni di IT as-a-Service on-premise sta crescendo abbastanza da meritarsi una sigla tutta sua: il DCIaaS sarà il nuovo volto del mondo server tradizionale?

Cloud
Il cloud è un vantaggio, averlo in casa è un vantaggio ancora maggiore. Volendo sintetizzarlo, e un po' banalizzarlo, al massimo, questo è il messaggio che IDC dà prefigurando una forte crescita del segmento che ha battezzato DCIaaS. Che sta per Dedicated (Local) Cloud Infrastructure-as-a-Service. In sostanza, il mercato delle soluzioni che permettono di avere una infrastruttura aderente ai principi tecnologici del cloud, ma all'interno delle proprie infrastrutture IT.

L'idea di fondo, per IDC, è che le aziende abbiamo ormai metabolizzato il concetto secondo cui il passaggio ad una IT as-a-Service permette di affrontare meglio i percorsi di digitalizzazione. Non è una questione di costi, perché anche quelli del cloud possono essere elevati quanto e più dell'on-premise, ma piuttosto di una flessibilità ed elasticità dell'IT che permette di affrontare meglio il mercato. Che, insieme alle aspettative dei clienti, cambia velocemente.

Il salto in avanti è che da qualche tempo l'identificazione tra IT as-a-Service e cloud pubblico non è più così automatica. Sono stati portati sul mercato prodotti che in pratica replicano l'esperienza e i vantaggi del cloud all'interno dei data center d'impresa. Questi prodotti costituiscono il comparto delle soluzioni Dedicated (Local) Cloud Infrastructure-as-a-Service (DCIaaS). Per il quale IDC prevede crescite molto rilevanti: da un giro d'affari globale di 138 milioni di dollari nel 2020 a ben 14 miliardi nel 2025. Una crescita annua composta di quasi il 152 percento.
cloud computingLe soluzioni DCIaaS sono descritte come "una versione dedicata di una offerta public cloud già disponibile, modificata per essere eseguita on-premise o in un ambiente di colocation certificato". Scenari quindi da data center, ma per IDC questa classe di soluzioni sarà ampiamente usata anche alla periferia della rete, in scenari di edge computing. Resta il duplice vantaggio del pagamento a consumo delle risorse IT (computing e storage) e della loro scalabilità. Come anche il fatto che il fornitore della soluzione mantiene la proprietà dell'hardware e del software adottati ed è responsabile di tutta la parte di gestione operativa.

Secondo IDC, le soluzioni DCIaaS saranno usate dagli utenti enterprise ma anche dai service provider stessi, che le useranno per spingere i propri servizi cloud presso i clienti che per vari motivi non sono "migrabili" del tutto al cloud esternalizzato. Attenzione però a pensare che stia per nascere una specie di cannibalizzazione reciproca tra ambienti cloud più o meno ibridi. Le cifre del mercato DCIaaS sono ancora piccole rispetto al comparto server tradizionale (80 miliardi l'anno circa, sempre secondo IDC) ed alle offerte cloud IaaS (67 miliardi) o PaaS (47 miliardi).

Ed è inoltre assai probabile che a soffrire sarà prima di tutto il comparto server, motivo per cui già diversi vendor hanno sviluppato offerte in logica IT as-a-Service. Ma anche i principali cloud provider hanno i loro modi per mettere un piede nei data center dei clienti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

La nuova Sanità post-pandemia

Speciale

Il New Normal dei Data Center

Speciale

La Cyber Security del new normal

Webinar

Multicloud management: gestire le "nuvole" senza problemi

Webinar

MITRE ATT&CK: una guida chiara per la cyber security aziendale

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori