2020: l'anno d'oro dei PC

Il 2020 ha visto volumi di vendita record per i PC: grazie, secondo Canalys, al riconquistato ruolo chiave del personal computing

Tecnologie
Si sapeva che il 2020 dei PC era andato bene. Durante i lockdown i produttori e il canale distributivo avevano fatto fatica a stare dietro alla domanda di PC espressa da chi si era trovato a dover lavorare da quasi ovunque. Scoprendo magari che il personal computer di casa o anche dell'ufficio non aveva davvero le caratteristiche adeguate al remote working ed alla collaborazione intensivi. Privati ed aziende hanno svuotato - fisicamente o virtualmente - gli scaffali dei produttori. E i numeri lo dimostravano.

Non eravamo altrettanto sicuri che la fine del 2020 avrebbe confermato questo trend. Ora le cifre di Canalys indicano che il trend si è addirittura accelerato. Con una crescita anno su anno che nel quarto trimestre 2020 si è attestata al +25,4% in volumi. Tutto il 2020 chiude con un +11% di consegne. Una crescita che non si vedeva giusto da un decennio. Dal +17% del 2010 rispetto al 2009.

Il 2020 chiude bene non solo in percentuale. Anche in assoluto. La quota raggiunta di 297 milioni di unità consegnate non si vedeva da tempo. Per la precisione dal 2014, anno in cui il mercato restò per l'ultima volta sopra la soglia - anche psicologica - dei trecento milioni di unità consegnate.
mercato pc 2020 canalysTutto merito del ruolo centrale che il PC si è riconquistato, spiega Canalys. Il personal computer - inteso ovviamente in senso lato: notebook, desktop (ma sempre meno), workstation - è tornato ad essere lo strumento principe per la produttività. "I PC sono qui per restare", sintetizza Rushabh Doshi, Canalys Research Director. Nonostante ne sia stata decretata più volte la poca utilità - se non proprio il pensionamento - di fronte ai volumi di device più "moderni" come gli smartphone.

Buone notizie per i produttori. Specie se adegueranno la nuova offerta ai trend del momento, come ora tutti i principali vendor sembrano fare. E se introdurranno nel tempo una buona dose di novità tecnologiche utili che facciano dimenticare gli anni dei PC sempre uguali a sé stessi. In merito, qualche segnale interessante c'è.

Un 2020 in crescita così marcata ha fatto bene un po' a tutti. Il quarto trimestre è stato il migliore da anni per i produttori "top 5" (Lenovo, HP, Dell, Apple, Acer). Anche se le inevitabili difficoltà per le loro supply chain nel primo periodo della pandemia hanno comportato qualche "scossone" di troppo ai volumi di consegna. Ma se guardiamo all'anno nel suo complesso, vediamo che le crescite sono state più o meno allineate. Qualcosina meglio per Lenovo, Apple, Acer. Un po' peggio per HP, Dell.
mercat pc 2020 2 canalysNel complesso però il mercato è stato stabile nella sua distribuzione. I vendor "top 3" avevano già distaccato gli inseguitori Apple ed Acer. E le crescite un po' più marcate di questi ultimi non hanno cambiato granché la sostanza. In testa resta un terzetto sgranato, con Lenovo (24,5% di market share 2020) che ha leggermente ampliato il margine su HP (22,8%) e Dell (16,9%). Più indietro Apple (7,6%) e Acer (6,7%).
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

La nuova Sanità post-pandemia

Speciale

Il New Normal dei Data Center

Speciale

La Cyber Security del new normal

Webinar

Multicloud management: gestire le "nuvole" senza problemi

Webinar

MITRE ATT&CK: una guida chiara per la cyber security aziendale

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori