Lenovo: nuovi prodotti per un nuovo modo di lavorare

La pandemia ci ha portato un nuovo modo di concepire i luoghi di lavoro, dando indicazioni che Lenovo sta trasponendo nei suoi prodotti più recenti

Tecnologie
A quasi nessuno piace l'espressione "new nornal". Ma è indubbiamente vero che dopo la fase critica della pandemia Covid-19 molte delle nostre abitudini sono cambiate. Nella vita privata come in quella professionale. Soprattutto quest'ultima è stata stravolta dal lockdown e dal relativo boom del remote working. Chi produce tecnologia - spiega Emanuele Baldi, Amministratore Delegato e General Manager di Lenovo per l’Italia - deve tenere conto del nuovo scenario. In modo da proporre soluzioni che lo riflettano e che rispondano alle nuove esigenze dei singoli e delle aziende.

"Da marzo in poi sono cambiate tante cose - sottolinea Baldi - e l'emergenza ci ha costretto a lavorare in modo diverso. Non seguendo un processo lento e pianificato ma spesso in qualche modo forzato". Un processo però dal quale possiamo trarre molte indicazioni. Lo ha fatto Lenovo stessa, con una indagine condotta su dieci nazioni, tra cui l'Italia, per capire come è evoluto il mondo del lavoro.

Si vede così che i molti timori aziendali sul remote working erano a quanto pare infondati. Il 54% dei dipendenti italiani in telelavoro si sente più produttivo che in ufficio. Il 90% è disposto a fare volentieri il responsabile IT di se stesso. Tanto che il telelavoratore medio italiano ha investito personalmente 305 euro per migliorare la sua postazione di smart working. Una delle medie più alte dell'indagine.
05 x1 carbon hero front facing rightThinkPad X1 CarbonCosì non stupisce che la maggioranza (52%) del campione si aspetta che il suo modo di lavorare sia cambiato ormai per sempre. "Non è più pensabile - spiega Baldi - dire 'è finita l'emergenza, torniamo tutti al lavoro com'era prima'. E questa è una sfida per chi gestisce le aziende. Bisogna coniugare i plus dello smart working con quelli del lavoro classico".

Per certi versi anche i personal computer non possono tornare a essere quelli di prima. Il PC è tornato prepotentemente al centro dell'attenzione perché le aziende e i singoli utenti si sono resi concretamente conto che senza di esso molte cose non si possono fare. O si fanno peggio. Nel remote working l'utilizzo del PC è poi stato percepito come più critico che in ufficio. Si è più sensibili a come funziona il proprio computer, alle prestazioni che offre, a quanto appare sicuro contro le cyber minacce.

Tutte esigenze su cui lavorare, per Lenovo. "Bisogna spendere molte energie anche a livello di engineering per portare sul mercato strumenti di lavoro più solidi, affidabili, personalizzati. E anche ragionare su come rendere le persone più produttive in scenari di smart working massivo", sottolinea Baldi. Smart working che per Lenovo è ben diverso dal telelavoro. A casa l'utente è comunque in un ambiente un minimo controllato. Nello smart working l'ufficio "coincide" con il PC. Ovunque esso sia, in ambienti a priori non controllati e non sicuri.
07 thinkbook plus hero e reader modeThinkBook PlusServono per questo prodotti di qualità, solidi, sicuri e capaci di tutelare la privacy degli utenti e delle informazioni. Per Lenovo la gamma commercial che risponde al meglio a questi requisiti è sempre la ThinkPad, per la quale sono stati lanciati i nuovi ThinkPad X1 Carbon di ottava generazione e ThinkPad X1 Yoga di quinta.

Novità anche per la gamma ThinkBook, con l'intenzione di continuare ad intercettare le esigenze delle PMI e dei professionisti che considerano i prodotti ThinkPad un po' troppo "fascia alta" ma che sarebbero limitati dai prodotti consumer. La novità - già annunciata, quindi una conferma per il mercato italiano - per loro è il ThinkBook Plus. In pratica un ThinkBook con un display e-Ink da 10,8 pollici integrato nella cover. Sul quale disegnare grafici, prendere appunti, ricevere notifiche, mostrare immagini.

Altre "conferme" di Lenovo sono l'offerta di PC desktop sempre più piccoli con i ThinkCentre Nano M75n - un computer professionale a tutti gli effetti in soli 350 ml - e il lancio locale di ThinkSmart View. Ora che c'è la necessità di comunicare e interagire facilmente con i colleghi, il piccolo device smart diventa ancora più interessante. Potendo abilitare sessioni di comunicazione via Microsoft Teams senza dover tenere per questo impegnato il proprio PC.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori