Logo ImpresaCity.it

IBM torna alla crescita dopo quasi sei anni

Dopo 22 trimestri in frenata IBM fa segnare una crescita del giro d'affari, sia pure contenuta

Autore: Redazione Impresacity

Per la prima volta dopo quasi sei anni, per la precisione 23 trimestri, IBM ha chiuso un quarter con il segno più: una crescita del fatturato del 3,5 percento anno su anno che lo ha portato a 22,54 miliari di dollari. IBM indica che considerando i tassi di cambio il risultato è in effetti una crescita solo del 1 percento, ma si tratta pur sempre di una crescita che non si vedeva da molto tempo.

La crescita del fatturato non comporta una crescita degli utili ma stavolta l'efficacia del business di IBM non ha influito. Big Blue ha contabilizzato un esborso di circa 5,5 miliardi di dollari in tasse una tantum, legate al rimpatrio di profitti accumulati al di fuori degli Stati Uniti. Senza considerare questo elemento IBM avrebbe registrato 4,45 miliardi di dollari di utile contro i 4,50 dell'anno precedente.

L'andamento negativo dei trimestri precedenti a quello appena chiuso - il quarto dell'anno fiscale 2017 - si vedono considerando le cifre di tutto il 2017. Su base annuale IBM ha registrato un giro d'affari di 79,1 miliardi di dollari, pari a una flessione del 1 percento anno su anno. L'utile operativo è stato di 12,9 miliardi (anche qui -1 percento anno su anno) che diventano 5,8 considerando le tasse e portano la variazione annua al -52 percento.

ginni rometty ibm 2Ginni Rometty, CEO di IBM
IBM pone prevedibilmente l'accento sui risultati dei quelli che chiama da tempo "imperativi strategici": cloud, analytics, mobile, social networking, sicurezza. Combinati insieme questi comparti hanno generato un business di 11,1 miliardi di dollari nel quarto trimestre 2017, con una crescita del 17 percento anno su anno. Da segnalare le crescite marcate della parte cloud (+30 percento), mobile (+23 percento) e sicurezza (+132 percento). Nei commenti ai risultati è stato anche citato esplicitamente lo sviluppo legato a blockchain.

Ragionando invece per divisioni di business il segnale coerente è quello della stabilità: tutte le business unit fanno segnare piccole crescite o piccole flessioni, con l'eccezione della parte hardware. Questa, ossia la divisione Systems, ha registrato una crescita del 32 percento (a 3,3 miliardi di dollari di ricavi) grazie ai sistemi IBM Z e Power. In ordine di crescita seguono la parte Cognitive Solutions (+3 percento, 5,4 miliardi di dollari), sulla spinta delle soluzioni di sicurezza e transaction processing, e la divisione Global Business Services (+1 percento, 4,2 miliardi) a pari merito con la più piccola Global Financing (+ 1 percento, 450 milioni)

Segno meno invece per la parte Technology Services & Cloud Platforms, che fa la gran parte del giro d'affari (9,2 miliardi di dollari) ma è in flessione del 1 percento. IBM sottolinea che gli imperativi strategici in questa divisione crescono del 15 percento, segno che le offerte più tradizionali sono un fattore di freno. Ed ecco probabilmente perché sono ipotizzati cambiamenti.
Pubblicato il: 19/01/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

MWC 2018

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source