Oracle tra ampliamento dei servizi cloud distribuiti e l’anteprima di Compute Cloud@Customer

Le OCI Dedicated Region vantano un ingombro infrastrutturale ridotto e prezzo più basso, mentre Compute Cloud@Customer porta computing e storage presso i siti dei clienti

Cloud

La Oracle Cloud Infastructure (OCI) introduce un entry point più conveniente per le OCI Dedicated Region e un'anteprima dei servizi Compute Cloud@Customer, che portano più di 100 servizi di cloud pubblico OCI nei data center dei clienti.

Questi nuovi servizi, dettaglia una nota, aiuteranno i clienti a soddisfare i più stringenti requisiti di latenza e residenza e sovranità dei dati che sono fondamentali per molte iniziative di modernizzazione IT. Numerosi clienti in vari settori, come per esempio i servizi finanziari, il settore pubblico, la sanità e la logistica, hanno adottato OCI per supportare la loro trasformazione cloud senza dover accettare compromessi in termini di scala, sovranità dei dati, sicurezza e controllo come dovevano fare in passato. I nuovi servizi includono:

Nel dettaglio, la nuova OCI Dedicated Region richiede in media il 60-75% in meno di spazio ed energia per i data center, con un entry point significativamente più basso, circa 1 milione di dollari all'anno. Una gamma più ampia di clienti può quindi ora ottenere l'agilità, l'economia e la scala del cloud pubblico nei propri data center. OCI Dedicated Region offre infatti ai clienti la possibilità di avere una Cloud Region completa nel proprio data center, con tutti i vantaggi del cloud pubblico gestito con OCI.


Clay Magouyrk, executive vice president di Oracle Cloud Infrastructure

Inoltre, da Oracle arriva in anteprima OCI Compute Cloud@Customer, una soluzione rack-scale destinata ad ambienti più piccoli rispetto a OCI Dedicated Region. Nelle intenzioni, Compute Cloud@Customer consentirà alle aziende di eseguire nei loro data center applicazioni di elaborazione, storage e networking compatibili con OCI, completamente gestite come servizio da una OCI Region e utilizzando il modello di consumo conveniente di OCI per semplificare le operazioni e ridurre i costi.

In sostanza, con OCI Dedicated Region, Exadata Cloud@Customer e Compute Cloud@Customer, le aziende utilizzano lo stesso hardware e software gestiti da OCI nei loro data center e nelle OCI Region. Gli sviluppatori e i responsabili IT utilizzeranno le stesse API e gli stessi strumenti di gestione per un'esperienza utente coerente, indipendentemente dal luogo di esecuzione dei servizi. Le organizzazioni possono sviluppare, distribuire, proteggere e gestire più facilmente un unico set di software in un'ampia gamma di ambienti cloud distribuiti.

"I clienti ci hanno detto che hanno bisogno di un cloud senza compromessi in termini di privacy, sicurezza, residenza e sovranità dei dati. Le soluzioni attuali soddisfano solo un sottoinsieme di queste esigenze, come ad esempio fornire funzionalità cloud limitate od offrire solo alcune sedi di cloud pubblico. L'approccio di Oracle al cloud distribuito risponde a tutte queste esigenze dei clienti con un portafoglio completo di diversi modelli di implementazione, che vanno dal cloud pubblico al cloud completo on-premises", commenta Clay Magouyrk, executive vice president di Oracle Cloud Infrastructure.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Download

Le regole del multicloud

Speciale

Il digitale nella Sanità: nuove frontiere per nuove esigenze

Speciale

L’AI nelle aziende: intelligenza in crescita

Monografia

Cyber Security: l’azienda al sicuro

Calendario Tutto

Giu 30
Più semplice, veloce e sicura: scopri le novità della soluzione di Managed File Transfer GoAnywhere

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter