Oracle, se il motore del database convergente è tutto nuovo

Sono oltre 200 le innovazioni al nuovo Database 21c, tra cui machine learning automatizzato, tabelle blockchain native e persistent memory

Tecnologie Cloud
L’annuncio è di quelli importanti. Con Oracle Database 21c, questo il nome della nuova versione del database convergente di casa Oracle, arrivano infatti più di 200 innovazioni, che nelle intenzioni della società ampliano la convergenza del database per nuovi casi d’uso, ottimizzano le performance, migliorano la produttività di sviluppatori, analisti e data scientist.  

Il nuovo Database 21c è il motore sottostante ai database Oracle in cloud e on-premise, compresi Oracle Autonomous Database, Oracle Exadata Database Service, Oracle Exadata Database Cloud@Customer e Oracle Exadata Database Machine.
o9

200 innovazioni

Tra le 200 innovazioni di Oracle Database 21c si distinguono le tabelle blockchain immutabili, studiate per disporre di tabelle SQL a prova di manomissione, il JavaScript In-Database, i dati binari JSON nativi, l’AutoML per il machine learning in-database e il supporto della persistent memory di Intel Optane. Non solo: i miglioramenti riguardano anche le funzionalità in-memory, le performance di elaborazione grafica, il partizionamento, le funzioni multitenant e la sicurezza.  

Non è quindi un caso che Andrew Mendelsohn, Executive Vice President, Database Server Technologies di Oracle (ritratto nella foto di apertura) abbia voluto esplicitamente sottolineare, durante la presentazione avvenuta all’evento online OracleLive della scorsa settimana, che “Oracle Database 21c è un nuovo passo della nostra strategia volta a offrire il motore database convergente più potente al mondo”. 

o11

A tutta convergenza

Il punto principale è proprio quello della convergenza: a differenza di altri database in cloud o on-premise, Oracle Database 21c supporta le richieste di ambienti multi-modello, multi-carico e multi-tenant; il tutto entro un singolo, moderno motore database convergente. Di più: “con altri fornitori nostri concorrenti, servono database e servizi JSON document, operazionali, analitici, grafi, di machine learning e blockchain separati, per supportare tutte queste funzionalità. L’approccio convergente scelto da Oracle rende molto più produttivi gli sviluppatori che creano nuove applicazioni e rende più semplice farle evolvere in seguito per rispondere a nuove richieste del business”, ha aggiunto Mendelsohn. 
o3

Clienti italiani

Tra i primi utenti delle innovazioni apportate da Oracle Database 21c c’è anche un importante cliente di casa nostra: Angelini Pharma, che ha apprezzato in particolare la funzionalità delle tabelle blockchain: “la soluzione Quinaryo XRing è stato un passo avanti importante nella nostra strategia IoT, che ci ha permesso di sperimentare l’uso di device indossabile integrato con un tool per la sicurezza dei dati basato su una soluzione con tabella blockchain”, ha raccontato Pietro Berretoni, Digital & Innovation Head di Angelini Pharma. “Con Oracle Blockchain Table la soluzione ci offre registri a prova di manomissione, che si possono integrare facilmente con altre applicazioni senza richiedere di realizzare una nuova, complessa infrastruttura – dato che è un Database Oracle con tutti i tool che già conosciamo, e con le nuove funzionalità che possiamo sfruttare nella nostra soluzione XRing per la raccolta di dati sensibili”.

Il low code in cloud

L’evento online OracleLive di metà gennaio è stato anche l’occasione per annunciare anche la disponibilità di Oracle APEX (Application Express) Application Development, ovvero la nota piattaforma di sviluppo applicativo low-code APEX sotto forma di servizio cloud gestito, che gli sviluppatori possono usare per costruire facilmente e rapidamente applicazioni enterprise data-driven. Oracle APEX Application Development è l’evoluzione di funzionalità APEX disponibili da due decenni e già usate da 500.000 sviluppatori, offerte come servizio facile da usare e basato su browser per creare moderne applicazioni web e mobile.  

In origine, ricorda una nota, APEX era disponibile solo come parte di Oracle Database, mentre ora è disponibile in modalità standalone e lavora con una varietà di applicazioni. Disponibile sulla Oracle Cloud Infrastructure (OCI), questo servizio ha un costo che parte da 360 euro al mese, offre supporto per più di 500 utenti e applicazioni illimitate, e scala elasticamente quando è necessaria maggiore capacità
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

La nuova Sanità post-pandemia

Speciale

Il New Normal dei Data Center

Speciale

La Cyber Security del new normal

Webinar

Multicloud management: gestire le "nuvole" senza problemi

Webinar

MITRE ATT&CK: una guida chiara per la cyber security aziendale

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori