Oracle punta sulla Sanità digitale: 28 miliardi per Cerner

Oracle acquisisce uno dei principali fornitori di sistemi EHR e crea di fatto un "verticale" completo per la Sanità

Trasformazione Digitale

Oracle mette sul piatto ben 28,3 miliardi di dollari e acquisisce Cerner Corporation, azienda statunitense che sviluppa applicazioni, prodotti e servizi per la gestione digitale delle informazioni cliniche. Cerner è uno dei principali fornitori statunitensi in questo campo e la posizione - insieme a un'offerta molto ampia - giustifica la somma sborsata da Oracle: si tratta infatti della sua acquisizione più impegnativa, pur essendo Oracle un'azienda storicamente aperta ad operazioni finanziariamente "cospicue".

Larry Ellison, Chairman e Chief Technology Officer di Oracle, ha sottolineato che l'acquisizione ha la possibilità di trasformare la gestione dei processi medico-sanitari, grazie a una gestione smart delle informazioni cliniche nelle piattaforme IT. Come in altri campi, l'idea è quella di applicare le tecnologie della digitalizzazione per garantire un accesso migliore alle informazioni quando sono necessarie. Inoltre, l'elaborazione di tali informazioni attraverso funzioni di analytics porterà, nelle intenzioni, un funzionamento migliore dei processi clinici ed amministrativi delle strutture sanitarie.

Per Oracle è anche un modo per entrare con decisione in un mercato - quello della digitalizzazione della Sanità - che sta registrando crescite cospicue, a beneficio di tutte le aziende che vi operano. È un "vertical" da 3.800 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti, che Oracle al momento non presidiava in maniera mirata e trasversale. Con Cerner, porta a casa praticamente un "verticale" già completo e definito.Non stupisce quindi che secondo Oracle l'acquisizione porterà vantaggi economici immediatamente dopo essere stata completata. Non sembrano infatti esserci sovrapposizioni da limare nelle attività di Oracle e Cerner. Quest'ultima anzi potrà portare subito un business legato al fatto che le sue soluzioni saranno immediatamente veicolate a livello globale, mentre ora sono più concentrate sugli USA.

Tecnologicamente l'integrazione tra Oracle e Cerner non dovrebbe essere complessa, dato che le soluzioni della seconda già operano con Oracle Database (in futuro, probabilmente, Oracle Autonomous Database). Oracle punta sull'arricchimento delle soluzioni Cerner attraverso elementi di AI, ML, sviluppo low-code e interfaccia vocale abilitati dal cloud Oracle. Le soluzioni Cerner saranno comunque migrate agli ambienti cloud Oracle di nuova generazione per garantirne una disponibilità continua e globale. Oracle sottolinea poi che una maggiore integrazione con le proprie piattaforme potenzierà tutte le funzioni delle soluzioni Cerner legate alla protezione dei dati clinici e sensibili.

L'acquisizione di Cerner dovrebbe completarsi entro il 2022, fatte salve le necessarie approvazioni che, in questo ambito, non sono affatto scontate. Di recente è stata Microsoft a sperimentare qualche difficoltà per l'approvazione dell'acquisizione di Nuance, collegata sempre all'ambito medicale. Ad operazione conclusa, se tutto andrà bene, Cerner opererà come Industry Business Unit dedicata all'interno di Oracle.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Download

Le regole del multicloud

Speciale

Il digitale nella Sanità: nuove frontiere per nuove esigenze

Speciale

L’AI nelle aziende: intelligenza in crescita

Monografia

Cyber Security: l’azienda al sicuro

Calendario Tutto

Giu 30
Più semplice, veloce e sicura: scopri le novità della soluzione di Managed File Transfer GoAnywhere

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter