IBM e Verizon insieme per l'edge computing e l'Industrial IoT

IBM e Verizon combinano le loro competenze per sviluppare soluzioni di edge computing e IoT ndustriale. L'obiettivo è la smart factory.

Industria 4.0
5G, Industrial IoT ed edge computing sono il centro di una nuova collaborazione tecnologica tra IBM e Verizon Business. L'obiettivo è unire le rispettive competenze per sviluppare soluzioni in campo Industry 4.0. Verizon porta in dote la connettività 5G e le competenze in campo edge computing. In particolare con le soluzioni che definisce di Multi-access Edge Computing (MEC). Ma anche con la piattaforma IoT ThingSpace e la sensoristica.

IBM mette invece sul piatto competenze e soluzioni in campo AI, hybrid multicloud, edge computing, asset management, operations "evolute". In particolare con la parte di Maximo Monitor e IBM Watson per le componenti di analytics. Combinando questi elementi con la parte di Verizon, secondo le due aziende gli utenti potranno "rilevare, localizzare, diagnosticare" eventuali anomalie ai sistemi per affrontarle il prima possibile. Oltre che abilitare funzioni di manutenzione predittiva e monitoraggio degli asset industriali.

Questa è la base. Poi IBM e Verizon pensano anche ad applicazioni più sofisticate. Come la delocalizzazione in periferia di funzioni di "cognitive automation" per ambienti industriali. Si tratta di applicazioni in cui la potenza computazionale viene portata in periferia attraverso sistemi di edge computing. Questa potenza di calcolo viene usata per analizzare i dati ricavati da macchinari e dispositivi. Il che permette di rispondere in tempo quasi reale agli eventi che si verificano sul campo.
industry 5044035 960 720In questi scenari il 5G viene visto come una tecnologia di connettività a medio-largo raggio. Capace di coprire con banda elevata e latenze minime un'area geografica. Abilitando così ad esempio, sempre grazie all'edge computing, applicazioni come il controllo remoto di sistemi robotizzati, l'analisi evoluta di riprese video, la gestione di interi impianti automatizzati.

L'obiettivo principale di questa collaborazione tra IBM e Verizon è infatti la smart factory. La fabbrica del futuro - spiega Kareem Yusuf, General Manager of AI Applications per IBM - è in gran parte "self-aware, self-maintaining, self-healing". In grado cioè di sfruttare l'analisi dei dati e l'AI "per preservare meglio i macchinari e migliorare la salute e il benessere dei lavoratori".

La smart factory non è un concetto nuovo. Ma fa parte di quelli per cui la pandemia Covid-19 ha fatto in un certo senso da acceleratore. La pandemia, spiega Yusuf, "ha sottolineato l'urgenza di questa trasformazione: molte aziende che sono state forzate a ridurre o bloccare le proprie attività hanno capito quanto sia cruciale poter controllare le operazioni da remoto".

Queste aziende, ora che stanno riprendendo le loro attività, "stanno accelerando la loro adozione di AI, automazione e IoT per diventare più resilienti ed essere meglio preparate a future emergenze". Cosa che, secondo IBM, non aiuta solo nella gestione delle crisi ma porta più in generale miglioramenti a tutto il business.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori