Logo ImpresaCity.it

Coleman Digital Assistant, il machine learning conversazionale di Infor

Infor lancia un assistente vocale per dialogare con le funzioni della sua CloudSuite: è il primo passo per una diffusione più massiccia del machine learning

Redazione Impresacity

Infor ha presentato anche in Italia una nuova componente di intelligenza artificiale studiata per agevolare il lavoro quotidiano di chi utilizza la Infor CloudSuite. Si tratta di un assistente digitale battezzato Infor Coleman Digital Assistant, che sa dialogare in linguaggio naturale con i suoi utenti e offre così un'interfaccia conversazionale verso le funzioni della suite. La nuova funzione sarà tra l'altro integrata con Amazon Alexa for Business, il che permetterà di usare l'assistente digitale di Amazon come ulteriore "interfaccia" verso il mondo software di Infor.

Come altri assistenti virtuali "applicativi", il ruolo principale di Coleman Digital Assistant è duplice: da un lato eseguire in autonomia alcuni compiti ripetitivi e di poco valore aggiunto, in logica RPA, dall'altro fornire al momento opportuno informazioni e indicazioni mirate che permettano all'utente di svolgere meglio il suo lavoro.

Infor in questo senso ha sottolineato i risultati di una ricerca McKinsey, secondo cui il lavoratore medio trascorre quasi il 20 per cento del proprio tempo alla ricerca di informazioni. Coleman Digital Assistant dovrebbe ridurre fortemente questo spreco di tempo, imparando man mano quali informazioni servono al suo utente e in quali passi del suo lavoro.

Infor Coleman Digital Assistant è la prima concretizzazione della piattaforma di machine learning Coleman che la software house ha presentato all'evento Inforum di qualche mese fa. La piattaforma comprenderà una collezione di modelli di apprendimento automatico utilizzabili nelle applicazioni della Infor CloudSuite e sarà disponibile complessivamente nella primavera del prossimo anno.

Infor ha in previsione una applicazione molto ampia delle funzioni di machine learning per la parte gestionale. Questo anche grazie al fatto che Coleman sarà dotata di una importante componente di machine vision. Ad esempio, sottoponendo a una applicazione collegata a Coleman un codice a barre o un'immagine di un prodotto, Coleman saprà restituire le informazioni su quel prodotto e attivare funzioni collegate, come il lancio di un nuovo ordine per quel prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 06/12/2018

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito