Logo ImpresaCity.it

HPE GreenLake: IT stile cloud ma sempre on-premise

La nuova offerta GreenLake è in sintesi una evoluzione di Flex Capacity, declinata per usi specifici e sempre pay-per-use

Autore: Redazione Impresacity

Il cloud pubblico ha il vantaggio di concretizzare pienamente i principi del modello as-a-Service, il cloud privato ha quello di garantire il controllo dell'infrastruttura e la privacy delle informazioni. Alcuni grandi vendor stanno seguendo la strada che va verso la combinazione di questi due aspetti con offerte definite di PCaaS (Private Cloud as-a-Service) e in questo senso HPE ha lanciato le soluzioni denominate HPE GreenLake.

L'idea di fondo è quella di implementare una infrastruttura cloud on-premise, come nelle soluzioni di private cloud, ma aggiungendovi un modello di pagamento a consumo come nel cloud privato. È una strategia che HPE aveva già concretizzato con l'offerta Flex Capacity: le nuove proposte GreenLake si basano proprio su quella e vi aggiungono soluzioni applicative mirate e un ampio pacchetto di servizi.

HPE ha infatti sviluppato cinque configurazioni pre-integrate e in pay-per-use. La maggior parte sono dedicata alla gestione di grandi database. GreenLake for SAP HANA è di fatto una appliance preconfigurata per il database SAP e ottimizzata in modo da garantire specifici livelli di prestazioni e availability. GreenLake Big Data nasce per la gestione di un data lake su piattaforma Hadoop con il software di Hortonworks o Cloudera, mentre GreenLake Database with EDB Postgres permette di gestire appunto un ambiente Postgres.

hpe proliant gen10Si distinguono da questo trend le soluzioni GreenLake Backup, che offre funzioni di backup "a consumo" grazie alla combinazione di hardware HPE e software Commvault, e GreenLake Edge Compute, pensato per la creazione di un ambiente di edge computing.

Alla base di tutte queste soluzioni c'è come anticipato Flex Capacity, che per l'occasione prende la denominazione di GreenLake Flex Capacity e acquista alcune opzioni tecnologiche in più tra cui l'utilizzo di moduli HPE SimpliVity e configurazioni Microsoft Azure Stack.

Le varie configurazioni GreenLake comprendono anche una parte di servizi professionali e non a caso sono veicolate dalla parte servizi di HPE, ossia PointNext. Tra i servizi compresi nel modello pay-per-use ci sono la definizione di reference architecture personalizzate, generici servizi professionali, monitoraggio e gestione da remoto dell'ambiente GreenLake ed elementi di formazione.
Pubblicato il: 28/11/2017

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

MWC 2018

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source