▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Oracle e Google Cloud: è partnership nel multicloud

Google Cloud offrirà i servizi database di Oracle Cloud Infrastructure e l'interconnessione di rete ad alta velocità con Oracle, con la possibilità di distribuire carichi di lavoro generici senza costi di trasferimento dati tra i due cloud

Cloud

Abbinare le tecnologie Oracle Cloud Infrastructure (OCI) e Google Cloud per accelerare la migrazione e la modernizzazione delle applicazioni: è lo scopo dell’inedita partnership siglata da Oracle e Google Cloud.

Oracle Interconnect for Google Cloud, dettaglia una nota, sarà inizialmente disponibile per l'onboarding dei clienti in 11 regioni cloud a livello globale e consentirà di distribuire carichi di lavoro generici senza costi di trasferimento dati tra i due cloud. Entro la fine dell'anno sarà disponibile una nuova offerta, Oracle Database@Google Cloud, caratterizzata dal più alto livello di performance del Database e della rete Oracle, unito alla parità di funzioni e prezzi con OCI.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Entrambe le aziende proporranno insieme al mercato Oracle Database@Google Cloud, a vantaggio di organizzazioni di tutto il mondo attive in diversi settori, tra cui per esempio servizi finanziari, assistenza sanitaria, retail, produzione e altro ancora. Oracle Database@Google Cloud offre l'accesso diretto ai servizi database Oracle in esecuzione su OCI e distribuiti nei data center di Google Cloud. La nuova offerta è stata progettata per consentire ai clienti di accelerare la migrazione al cloud, in modo da modernizzare gli ambienti IT e sfruttare l'infrastruttura Google Cloud, gli strumenti e i servizi AI, inclusi dati e analytics, AI Vertex e i foundation model di Gemini.


Larry Ellison di Oracle

Tra i vantaggi, vi sono opzioni flessibili per semplificare e contribuire ad accelerare la migrazione dei database Oracle nel cloud, inclusa la compatibilità con strumenti di migrazione collaudati come Oracle Zero-Downtime Migration; un’esperienza di acquisto e gestione dei contratti semplificata tramite Google Cloud Marketplace, che consente di acquistare i servizi di database Oracle utilizzando gli impegni in essere con Google Cloud e sfruttando i vantaggi delle licenze Oracle, tra cui il modello BYOL (Bring Your Own License) e i programmi di sconto Oracle come Support Rewards (OSR); Customer Experience e supporto unificati da parte di Google Cloud e Oracle; semplicità, sicurezza e latenza di un ambiente operativo unificato (data center) all'interno di Google Cloud per distribuire l’intera gamma di servizi database Oracle: e infine la possibilità di connettere i propri dati Oracle con i servizi AI di Google, tra cui i foundation model di Vertex AI e Gemini, per portare i veri dati aziendali in applicazioni, e agenti basati su AI da utilizzare per il servizio clienti, per i servizi ai dipendenti, le attività degli studi creativi, negli ambienti di sviluppo e altro ancora.

Oracle condurrà e gestirà i servizi database Oracle direttamente all'interno dei data center di Google Cloud a livello globale, a cominciare dalle cloud region in Nord America e in Europa. Oracle Exadata Database Service, Oracle Autonomous Database Service e Oracle Real Application Clusters (RAC) verranno resi disponibili nei prossimi mesi dell’anno in quattro regioni cloud di Google: US East (Ashburn), US West (Salt Lake City), UK South (Londra) e Germany Central (Francoforte), per poi espandersi rapidamente in altre region in tutto il mondo.

Oracle Interconnect for Google Cloud offre ai clienti la possibilità di distribuire carichi di lavoro sia nelle cloud region OCI sia in quelle Google Cloud senza costi di trasferimento dati tra i cloud. Questo servizio unisce OCI FastConnect e Google Cloud Partner Interconnect. In futuro è prevista l'espansione su più aree e la fornitura di una connessione privata a bassa latenza e throughput elevato, nonché connessione privata tra i due provider cloud, con interoperabilità trasparente. Ciò consentirà ai clienti di:


Sundar Pichai di Google

Le nuove funzionalità multicloud offriranno un'esperienza completamente integrata per distribuire, gestire e utilizzare le istanze Database Oracle all'interno di Google Cloud, oltre alla possibilità di spostare i dati e distribuire nuove applicazioni cloud-native su entrambi i cloud. Ciò consente alle organizzazioni di creare innovazione nel cloud: utilizzando le competenze di cui già dispongono, possono sfruttare il meglio delle funzionalità di Oracle e Google Cloud.

"I clienti richiedono la flessibilità di poter utilizzare più cloud. Per soddisfare questa crescente domanda, Google e Oracle connettono perfettamente i servizi Google Cloud alla tecnologia Oracle Database più recente. Utilizzando l'hardware di Oracle Cloud Infrastructure nei data center di Google Cloud, i clienti possono ottenere le migliori performance possibili su database e rete", commenta Larry Ellison, Chairman e CTO di Oracle.

"Oracle e Google Cloud hanno molti clienti di livello enterprise in comune. Questa nuova partnership li aiuterà a utilizzare il database e le applicazioni Oracle insieme alla piattaforma innovativa e alle funzionalità AI di Google Cloud", conclude Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter