Ivrea: un master in Behavioural Design

Huawei, ICO Valley e Torino Wireless collaborano per lo sviluppo di nuove competenze digitali

Mercato e Lavoro

Partenza prevista nella prossima primavera 2022 per il nuovo Master Universitario sulle tematiche del Behavioural Design che è nato grazie a una collaborazione tra Huawei, ICO Valley e Fondazione Torino Wireless. Una nuova offerta formativa che sarà materialmente erogata da Politecnico di Torino e Università degli Studi di Torino. Nell'ambito di un programma più ampio di iniziative finalizzate allo sviluppo e alla crescita in Piemonte di alte competenze legate alla transizione digitale.

Il Master post-laurea viene descritto come "primo e unico in Italia" e si terrà presso la sede di ICO Valley a Ivrea. Un rimando importante alla storia di innovazione del centro piemontese, come ricorda Virginia Tiraboschi, Presidente del Comitato Promotore di ICO Valley: la nuova iniziativa ha "l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per i giovani provenienti da tutto il mondo, così come successe con una delle scuole di interaction design più all'avanguardia degli ultimi decenni che aveva sede proprio a Ivrea: l’Interaction Design Institute".

Il Behavioural Design riguarda in sintesi la progettazione di percorsi ideali di interazione tra le persone e gli strumenti digitali che sempre più usiamo in ambito lavorativo come personale. E sempre più per interagire con servizi digitali che fanno capo tanto al settore pubblico quanto a quello privato. Se queste interazioni sono viste, progettate e ottimizzate solo da un punto di vista puramente tecnico-funzionale, il rischio è quello di non renderle davvero accessibili a tutti, creando nuove forme di digitali divide che non sono necessariamente legate alla possibilità o meno di accedere alle tecnologie in sé ma alla capacità di usarle nel modo migliore.Il nuovo Master e le iniziative collegate che seguiranno sono anche l'inizio di una sinergia tra realtà diverse a favore della zona di Ivrea. "Crediamo fortemente nella formula delle partnership pubblico-privato per stimolare l’innovazione sul territorio, la crescita delle competenze digitali e l’umanizzazione delle tecnologie", ha spiegato in questo senso Eduardo Perone, Vice President Business Development Western Europe di Huawei. E anche secondo Massimiliano Cipolletta, Presidente di Fondazione Torino Wireless, "La priorità dei prossimi anni di tutti i territori per vincere le sfide della competitività, dell’inclusione sociale e dell’occupazione, è proprio quella di un forte investimento sulle competenze digitali diffuse, a partire dall’alta formazione fino all’alfabetizzazione".

La storia recente di Ivrea è un buon punto di partenza. "Ivrea con il suo territorio ha gettato le basi dell’innovazione digitale a livello mondiale", ricorda il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. E punta sulle capacità attrattive di un territorio che "accanto ad automotive, aerospazio e idrogeno, ha proprio nell’intelligenza artificiale uno dei pilastri strategici per lo sviluppo del Piemonte".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Advanced Cluster Security: come si mette davvero al sicuro il cloud

Download

Le regole del multicloud

Speciale

Il digitale nella Sanità: nuove frontiere per nuove esigenze

Speciale

L’AI nelle aziende: intelligenza in crescita

Monografia

Cyber Security: l’azienda al sicuro

Calendario Tutto

Giu 30
Più semplice, veloce e sicura: scopri le novità della soluzione di Managed File Transfer GoAnywhere

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter