Praim Agile4Linux: remote management con il Pinguino

Praim Agile4Linux rende più semplice configurare, gestire e supportare da remoto dispositivi eterogenei basati su Linux

Tecnologie
In molte aziende si sceglie una distribuzione Linux per estendere la vita utile di PC portatili e desktop che farebbero più fatica a gestire sistemi operativi meno ottimizzati. Oppure per realizzare endpoint semplici da utilizzare per applicazioni ben precise, come i chioschi informativi. Ora Praim ha deciso di puntare su Linux anche come piattaforma per realizzare nuovi nodi in una architettura di postazioni gestite da remoto. Lo fa con un nuovo prodotto: Praim Agile4Linux, che fa parte della famiglia Agile.

Agile4Linux si integra con una distribuzione Linux ben precisa: Ubuntu MATE, per ora nella release 16.04 e prossimamente anche nella 20.04. Di fatto si può considerare come una distribuzione Linux con integrate le funzioni ed i moduli per il remote management. La "distro" è abbastanza leggera da essere eseguita anche in modalità live da pendrive USB, quindi senza intervenire direttamente sul PC a livello di sistema.

Per il resto, Agile4Linux è Ubuntu MATE a tutti gli effetti. Quindi anche con la possibilità di installare pacchetti software, supportare periferiche, applicare aggiornamenti, configurare la singola postazione per le sue specifiche necessità. Per chi vuole configurare parchi macchine estesi, Agile4Linux ha una funzionalità di clonazione che replica in modo automatico le personalizzazioni di una postazione iniziale su tutte le seguenti.
mozilla web of thingsIl remote management delle postazioni serve anche a garantire la sicurezza di tutta la rete ed a limitare le operazioni eseguibili sulle (e dalle) postazioni stesse. Per questo Agile4Linux prevede tra l'altro la funzione Write Filter, con cui ogni modifica effettuata durante l'uso è volatile: non viene registrata su disco e "scompare" dopo il riavvio del dispositivo. C'è anche una modalità di configurazione “Try & Test”, in cui un IT manager può sperimentare nuove personalizzazioni senza rischio di arrivare a un sistema instabile: le nuove configurazioni possono essere testate ma non sono effettive a sistema e si possono annullare in un istante.

Una famiglia che cresce

Come accennato, Agile4Linux, è un nuovo componente - il terzo - della famiglia Agile. Si affianca ad Agile4PC e Agile4Pi. Le tre soluzioni seguono la stessa filosofia: creare nodi pienamente operativi ma anche pienamente gestiti da remoto. Con la differenza che Agile4PC lo fa su sistemi Windows, Agile4Pi su nodi Raspberry Pi e ora Agile4Linux su Linux.

Tutte le soluzioni possono dialogare con la piattaforma Praim ThinMan per la gestione, il che consente di usare una sola soluzione per gestire una infrastruttura di nodi eterogenei. "Mettiamo le aziende in grado di prendere il pieno controllo di un'infrastruttura totalmente mista", spiega appunto Jacopo Bruni, Marketing Manager di Praim. Con la possibilità di "definire e raccogliere i profili utente e di dispositivo, riutilizzandoli indistintamente tra una piattaforma e l’altra".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori