▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

IBM z16 snellisce per i rack

Il mainframe IBM, in versione classica e Linux, si adatta ai rack standard per conquistare nuovi clienti

Cloud

I mainframe? Potenti e affidabili, ma anche un po' ingombranti per chi vorrebbe installare tutto nei classici rack da 19 pollici. Lo sa anche IBM ed ecco perché ha appena annunciato le versioni "snelle" di z16 e di LinuxONE 4: single frame e per il montaggio appunto in rack.

IBM afferma che i nuovi mainframe in questo modo sono appetibili "per una gamma più ampia di ambienti data center" in cui "spazio, sostenibilità e standardizzazione sono di primaria importanza". Al di là di queste considerazioni, i nuovi fattori di forma sono utili per chi debba far coesistere i mainframe con le altre archietture, dato che questa coesistenza ora può anche essere fisica, non solo digitale.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

La colocation a cui punta IBM non è solo dei server ma anche dei workload. Idealmente, diventa ora possibile realizzare in un medesimo rack ambienti di cloud ibrido in cui il mainframe è tipicamente dedicato a workload transazionali mentre gli altri sistemi (server, storage, SAN...) lo supportano e sono dedicati ad applicazioni e servizi cloud-nativi.

L'idea è anche quella di combinare le caratteristiche proprie dei mainframe z16 e LinuxONE - come l'alta disponibilità, l'ampio supporto alla cifratura e le funzioni AI native dei processori Telum - con gli ambienti distribuiti. Con un occhio anche alla classicissima server consolidation, dato che IBM stessa sottolinea come un sistema Linux Rockhopper 4 fa praticamente lo stesso lavoro di 36 server x86 con doppio processore Xeon Skylake.

Basterà anche per conquistare clienti che considerano il mondo mainframe troppo lontano dalle loro necessità? Magari anche le PMI? IBM di sicuro lo considera possibile, puntando in particolare sul fatto che IBM z16 e LinuxONE Rockhopper 4 supportano gli ambienti e i workload "moderni" grazie a tecnologie proprie (tutto il mondo OpenShift) e al contributo dei software vendor partner tecnologici. Come ad esempio, tra i più noti, CrowdStrike, F5, Fujitsu, MongoDB.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Networking - Alla scoperta delle nuove reti aziendali

Reportage

Fortinet Security Day Milano & Roma

Speciale

AI Generativa

Speciale

Sviluppo Software

Speciale

L’Ecommerce B2B in azione

Calendario Tutto

Set 10
Kaspersky - NIS 2 last call, tutto quello che ti serve sapere... prima che sia troppo tardi
Set 19
APETECH 3D - RoadShow by Elmec 3D - Firenze
Set 26
Road to NIS2 - Bari
Set 26
APETECH 3D - RoadShow by Elmec 3D - Torino

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter