Intel: 80 miliardi per fare chip in Europa

Intel lancia un piano di investimenti per lo sviluppo di un mega-impianto produttivo in Europa, mettendo nel mirino in particolare i clienti automotive

Industria 4.0
Pat Gelsinger ha scelto una platea inusuale - quella della IAA Mobility Conference di Monaco, un evento dedicato all'automotive - per annunciare alcuni nuovi investimenti in Europa. Il CEO di Intel ha spiegato che la società intende investire circa 80 miliardi di euro per la realizzazione di impianti per la produzione di semiconduttori localizzati nel Vecchio Continente. Il progetto prevede il potenziamento degli impianti che Intel ha già in Irlanda, ma soprattutto la creazione di una nuova "major mega fab". In un piano di sviluppo che dovrebbe coprire un decennio.

Il nuovo impianto descritto da Pat Gelsinger sarà sviluppato in un sito che sarà ufficializzato prima di fine 2021. Intel non ha dato dettagli sul luogo, ma il candidato migliore è probabilmente la cosiddetta Silicon Saxony. Ossia l'area industriale di Dresda, in Germania, che è già adesso il più grande distretto in Europa per la microelettronica. Intel ha in piano di realizzare un sito con due impianti produttivi, da estendere poi nel tempo fino a otto.

L'obiettivo di Intel è duplice. Da un lato vuole fare fronte alla carenza di semiconduttori che sta colpendo tutti i mercati, a partire ovviamente dall'IT ma toccando in particolare proprio l'automotive. Diverse case produttrici di vetture hanno rallentato la produzione e lo sviluppo dei veicoli proprio perché non riescono ad ottenere i componenti necessari. Una esigenza sempre più marcata per la crescente importanza che l'elettronica ha nei mezzi ibridi ed EV.
iaa graphic percent 16x9Proprio Pat Gelsinger ha sottolineato che entro il 2030 i semiconduttori rappresenteranno oltre il 20% dei tipi di componenti di una vettura premium. Nel 2019 la percentuale si attestava al 4%. Questo fa crescere notevolmente il comparto, tanto che per Intel il mercato potenziale dei semiconduttori nell'automotive sarà di ben 115 miliardi di dollari entro fine decennio. Una cifra che porterà l'automotive a "muovere" l'11% circa di tutto il comparto semiconduttori.

L'altro obiettivo di Intel è più genericamente aumentare la sua presenza in Europa per servire meglio i clienti europei. La decentralizzazione degli impianti è una parte importante della nuova strategia Intel, dato che la concentrazione della produzione di chip in Oriente ha causato diversi problemi di approvvigionamento per i clienti di tutti i principali produttori.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori