ServiceNow, agilità e resilienza

Arriva Paris, la nuova release della Now Platform, concepita per aiutare le aziende a far fronte al nuovo scenario derivante dalla pandemia Covid-19

Trasformazione Digitale Cloud
Puntuale come sempre. A un anno esatto dall’ultima “major release” della sua Now Platform, ServiceNow ha introdotto a metà settembre la versione più recente, denominata “Paris”.

E non c’è dubbio che quello trascorso dall’introduzione di “New York”, la precedente release della piattaforma per i workflow digitali, sia stato un anno particolarmente ricco di avvenimenti, sia per la stessa ServiceNow, che ha visto tra l’altro l’arrivo a ottobre del nuovo CEO Bill McDermott direttamente da SAP, sia per il mondo in generale, che dall’inizio di quest’anno si trova notoriamente a fare i conti con la pandemia Covid-19.

E proprio gli strumenti per gestire al meglio i tempi complicati che le aziende stanno affrontando in seguito al coronavirus sono al centro della nuova release Paris, che nelle intenzioni di ServiceNow “aiuterà le organizzazioni a rimanere agili e resilienti per continuare a crescere e a migliorare la produttività nell’economia della nuova normalità”.

Nuovo scenario

Presentando le caratteristiche della nuova versione della Now Platform, Paul Smith, SVP e GM Emea di ServiceNow, e Chris Pope, VP Innovation di ServiceNow, hanno anche richiamato lo scenario odierno, che secondo IDC vede il 45% delle organizzazioni in tutto il mondo in recessione, con il 64% delle aziende che pianifica di adottare tecnologie emergenti al più presto, mentre le imprese in ritardo sono quelle più inclini ad adottare nuove tecnologie per uscire dall’emergenza.

È in questa nuova normalità, con quasi l’80% delle aziende presenti nella classifica Fortune 500 che utilizzano la Now Platform, che ServiceNow si impegna a fornire soluzioni in grado di aiutare le aziende nella trasformazione digitale, sia che i dipendenti siano ancora impiegati in remoto o nel caso si stia pianificando il ritorno in sede.
servicenow paris 2

Workflow funzionali contro i silos

I C-Level hanno capito che le architetture del ventesimo secolo sono troppo lente e a silos, in un moderno ambiente di lavoro fluido che richiede velocità e agilità”, ha poi sottolineato Filippo Giannelli, Responsabile ServiceNow Italia. “Il vantaggio di ServiceNow è sempre stato quello di avere un’architettura unica, un solo modello dati e una piattaforma cloud nativa che fornisce i workflow di cui hanno bisogno le aziende, abilitando grandi esperienze per i dipendenti e i clienti. La release Paris della Now Platform permette esperienze più smart grazie all’intelligenza artificiale, e a una maggiore resilienza e ottimizzazione dei costi. Questo fornisce alle aziende ciò di cui hanno bisogno per avere successo nell’economia della nuova normalità”.  

L’idea di base è quella che ha fatto la fortuna di ServiceNow, ovvero quella di utilizzare i workflow funzionali per lasciarsi alle spalle la logica dei silos, dando luogo a un modello operativo unificato lungo tutti i reparti aziendali, in modo che sia i dipendenti sia soprattutto i clienti migliorino la loro esperienza, con conseguenti vantaggi anche in termini di produttività, anche perché, come ha tenuto a rimarcare Chris Pope, "dietro a ogni valida esperienza c'è un workflow ben progettato".
servicenow paris 1

Nuove feature

Nel dettaglio, con la release Paris, ServiceNow introduce sei nuovi prodotti e feature che permettono alle aziende di usufruire di un’unica piattaforma per rispondere velocemente ai cambiamenti nel business con nuove app di workflow, migliorare la produttività con analytics e AI integrate in ogni app e digitalizzare e automatizzare il lavoro in tutta l’azienda; fornire ai dipendenti la giusta esperienza in ogni luogo, guidare la produttività della forza lavoro e trasformarne l’organizzazione in caso di servizi critici; indirizzare la fidelizzazione dei clienti attraverso workflow connessi che permettono di gestire il lavoro onsite in maniera efficace, organizzare operazioni resilienti in caso di circostanze impreviste ed espandere le capacità attraverso un sistema di assistenza self-service automatizzato; e infine ottimizzare la produttività dell’IT, i costi e la resilienza per modernizzare e automatizzare con l’ITSM e gli AIOps, fornire operazioni resilienti e ridurre la spesa software, hardware e cloud.

Già in disponibilità generale, tra i nuovi prodotti chiave della release Paris vi sono anche: Business Continuity Management, Hardware Asset Management e Legal Service Delivery. Con Business Continuity Management vengono rese possibili nuove analisi automatizzate sul business impact, lo sviluppo di piani di business continuity e di crisis management sfruttando le informazioni della Now Platform per abilitare la resilienza operativa. Con Hardware Asset Management si può invece automatizzare il ciclo di vita degli asset IT tenendo traccia dei dettagli economici, contrattuali e dell’inventario di dispositivi e hardware per prendere decisioni migliori, dall’acquisto alla fornitura. Infine, Legal Service Delivery fornisce ai servizi legali la visibilità di cui hanno bisogno per prendere decisioni più velocemente e migliorare la produttività, eliminando e-mail e chiamate superflue.

servicenow paris 3
Da notare per concludere che viene riaffermato ancora una volta il ruolo insostituibile dei Partner, riguardo al quale ServiceNow ha oggi integrazioni con Microsoft e Twilio, e introduce il nuovo ServiceNow Service Graph Connector Program, che aiuta a razionalizzare i processi interni collegando nuovi e vecchi strumenti, per prepararsi al nuovo modo di lavorare.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori