HPE è sempre più edge-to-cloud con GreenLake

HPE amplia l'offerta GreenLake: nuovi servizi cloud per andare avanti sulla strada dell'approccio as-a-Service

Cloud
Lo si potrebbe chiamare "il cloud di HPE" - e in effetti i manager HPE ogni tanto lo fanno, a partire dal CEO Antonio Neri - se non fosse che l'espressione, almeno oggi, non rende bene l'idea di quello che Hewlett Packard Enterprise sta cercando di fare. Che non è proporsi come cloud provider in senso tradizionale. Piuttosto, puntare su una gamma crescenti di servizi infrastrutturali - hardware e software insieme, sotto il brand di HPE GreenLake - che permettono di realizzare ambienti cloud.

La filosofia resta però quella, caratterizzante, del edge-to-cloud. Ossia la possibilità, per le aziende utenti, di usare le componenti di GreenLake per realizzare ambienti cloud-style praticamente ovunque. In infrastrutture centralizzate da hyperscaler, in data center più piccoli e distribuiti, in ambienti di edge computing. È "the cloud that comes to you", come lo sintetizza Antonio Neri lanciando l'evento HPE Discover, ovviamente in versione virtuale. Il cloud che si adatta agli utenti, in sostanza, e non viceversa.

HPE parte dalla constatazione di fondo secondo cui i workload più importanti per le aziende oggi spesso non sono in cloud. Per molti motivi diversi: dalla esigenza di privacy a scelte tecnologiche proprie, dalla necessità di gestire applicazioni legacy alla volontà di tenere i workload vicino a dove nascono le informazioni. Fatto sta, sottolinea Neri, che questo "impone alle aziende di mantenere due modelli operativi": cloud e on-premise nelle sue varie forme.
hpe greenlake 1Negli ultimi anni l'approccio di HPE GreenLake si è man mano ampliato per adattarsi a questo scenario. E ovviamente comprendere in sé le principali evoluzioni tecnologiche di interesse per le imprese. Con in primissimo piano l'edge computing: da tempo HPE vede nella periferia della rete il "luogo" (frammentato, distribuito) dove le aziende possono raccogliere sempre più valore, sotto forma di informazioni.

GreenLake: il cerchio si amplia

Il senso di GreenLake è dare alle aziende la stessa elasticità e versatilità del cloud pubblico, ma permettendo loro di collocarlo fisicamente dove meglio credono. La logica as-a-Service è totalmente mantenuta perché anche l'hardware si paga a consumo. In più, lo si può configurare come meglio si crede ma anche semplicemente. Selezionando la propria tra una gamma di configurazioni predefinite che variano per dimensione e per ambito di applicazione. Tutto questo però richiede ampiezza di offerta e immediatezza delle implementazioni.

L'immediatezza delle operazioni è affrontata con una versione rinnovata di GreenLake Central, la console di gestione del cloud HPE. Che ora va oltre la gestione - ha spiegato Keith White, SVP e GM HPE GreenLake Cloud Services - per dare anche funzioni di analisi. Utili ad esempio nella parte di gestione dei costi e di capacity management. In generale l'obiettivo è dare a GreenLake Central le stesse caratteristiche di automazione e semplicità che si possono trovare nelle dashboard degli hyperscaler.
hpe greenlake 2Riguardo la completezza dell'offerta, HPE ora gioca - anche grazie alle novità di HPE Ezmeral - sul tavolo di GreenLake parecchie carte in più. Ha presentato sette nuovi macro-servizi cloud - ma, nella logica HPE, implementabili anche in altri ambienti - che coprono varie necessità infrastrutturali. Tre (Cloud services for Virtual Machines / Storage / Compute) sono pensati per gli ambienti di cloud privato. Sono in sintesi i "mattoncini" di base per realizzare architetture IT complesse a piacere. Con pochissime operazioni di lancio e configurazione, sottolinea HPE.

A livello infrastrutturale sono importanti anche i nuovi Cloud services for Containers. In pratica, tutto quello che serve per realizzare ambienti di virtualizzazione a container. Con tanto di orchestrazione via Kubernetes. È la base per realizzare nuove applicazioni cloud-native. Ma anche per portare al cloud applicazioni più o meno legacy, senza doverle reingegnerizzare completamente. A questi servizi si collegano quelli di Cloud services for Machine Learning Operations, che danno la possibilità di organizzare tutto il ciclo di vita delle applicazioni di machine learning.

Tra i nuovi servizi cloud troviamo anche una parte dedicata alla protezione delle informazioni: Cloud services for Data Protection. Comprende servizi per il backup on-premise e un servizio di enterprise backup in cloud, HPE Cloud Volumes Backup.
hpe neri discover

Aruba come ponte per l'edge

Completano le novità GreenLake gli Aruba Managed Connectivity Services, che si affiancano ai precedenti servizi di Aruba ESP per realizzare una offerta Network-as-a-Service. E confermano che Aruba è una componente fondamentale - "un nostro gioiello della corona", sottolinea Antonio Neri - per la copertura della parte edge.

L'edge è un ambito sul quale HPE continua ad investire alla ricerca di innovazione. Anche in momenti di crisi come questo della pandemia Covid-19, perché "chi esce da questi eventi più forte è poi quello che vince", sottolinea Neri. E proprio il lockdown ha mostrato in maniera evidente il ruolo chiave della periferia della rete. Trasformando le abitazioni dei dipendenti in "micro branch" delle loro imprese. "L'intelligent edge anche per questo è ancora più importante", spiega Neri. Anticipando che le funzioni del mondo Aruba continueranno ad ampliarsi. Ad esempio comprendendo anche la connettività 5G del prossimo futuro.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori