Storage: dati in crescita e hard disk sempre in testa

I dati IDC indicano una crescita sempre forte della base installata di storage. Con i dischi a piatti rotanti ancora prevalenti sugli SSD.

Trasformazione Digitale
La crisi del mercato IT a causa della pandemia Covid-19 è innegabile. Ma la crescita nel volume delle informazioni da gestire non si ferma nemmeno per il coronavirus. Così IDC stima che il 2020 si chiuderà con 6,8 zettabyte (ZB) di capacità complessiva installata. In tutto il globo. Una crescita del 16,6% rispetto al 2019. Nel periodo 2019-2024 IDC prevede una crescita media annua del 17,8%. In sintesi, sottolinea IDC, la quantità di storage installato raddoppia ogni quattro anni.

La crescita è anche maggiore se invece della base installata consideriamo la quantità di storage effettivamente utilizzata. Per questa nel quinquennio IDC prevede una crescita media annua del 20,4%. Così nel 2024 avremo qualcosa come 8,9 zettabyte di dati immagazzinati in varie forme. Considerando che la percentuale di storage utilizzato è stimata per quell'anno al 67,5%, lo storage installato nel 2024 dovrebbe essere pari a 13,2 zettabyte.

Tutto questo perché privati e aziende continuano a voler gestire sempre più dati. Semmai in questa fase del mercato si cerca di risparmiare con una gestione più oculata. Le aziende "probabilmente estenderanno la vita utile della capacità di storage che già hanno... specialmente nel breve termine" spiega John Rydning, Research Vice President, IDC Global DataSphere.
database generico
Sul tema delle nuove architetture storage per gli ambienti cloud e le applicazioni cloud-native, ImpresaCity ha organizzato un webinar. Maggiori informazioni a questo link.
I dati degli analisti IDC descrivono anche come il "consumo" dello storage si stia adattando ai nuovi modelli IT. I dati vengono sempre più conservati al cuore delle infrastrutture. Banalmente perché questo "core" dell'IT è rappresentato sempre più dalle infrastrutture cloud. La parte "core" quindi rappresenterà, nel 2024, il 60% circa dello storage installato.

È una crescita del 50% rispetto al 2019, quando solo il 40% dello storage era "centrale" nelle reti. Cresce altrettanto velocemente lo storage collocato in periferia. Ma l'edge computing è un fenomeno rivisitato solo di recente. Quindi IDC prevede che nel 2024 rappresenterà solo il 10% dello storage globale installato. La fetta mancante - il 30% nel 2024 - è rappresentata dagli endpoint. Anche con il cambiare dei modelli IT, dunque, un terzo circa delle informazioni resta nei sistemi tradizionali. E va protetta bene.

Tradizionale è anche la tecnologia più usata, in volumi, per conservare i dati. I buoni vecchi hard disk a piatti rotanti hanno rappresentato nel 2019 il 65% circa dello storage installato. Man mano vengono soppiantati da tecnologie più evolute. Ma anche nel 2024 saranno la maggioranza (54%) dello storage installato.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori