Logo ImpresaCity.it

Oracle, le tre anime della trasformazione digitale

Riuniti a Milano in un’unica giornata tre eventi: Modern CX Summit, Modern Business Summit e Modern Cloud Day, alla presenza di oltre 1500 partecipanti

Tre in uno. L’evento di inizio novembre organizzato a Milano da Oracle ha offerto più di un percorso agli oltre 1500 partecipanti. Perché la giornata era articolata su tre percorsi paralleli: il Modern CX Summit, dedicato alle applicazioni con cui i brand costruiscono per i loro clienti una Customer Experience innovativa, con marketing, vendite online, servizio clienti; il Modern Business Summit, rivolto alla trasformazione cloud dei processi aziendali, dalla gestione delle risorse umane alla supply chain fino a finance ed ERP; e infine il Modern Cloud Day, focalizzato sull’innovazione dell’infrastruttura IT e dello sviluppo applicativo alla luce delle potenzialità del cloud. I tre eventi si sono svolti ognuno con una plenaria, caratterizzata dall’intervento dei manager di Oracle e dalle storie di numerosi clienti, seguita nel pomeriggio da una serie di sessioni parallele su temi di mercato o tecnologici.  

Proliferazione di dati

Il mood della giornata è stato dato nella plenaria di apertura da Fabio Spoletini, Country Manager e Regional Senior Vice President di Oracle, che ha parlato dell’evoluzione delle funzioni di business alla luce della proliferazione dei dati, sia all’interno sia all’esterno delle aziende, anche a opera di fenomeni come Internet of Things e 5G. Questa “invasione” dei dati rende sempre più necessario, ha spiegato Spoletini, utilizzare “gli analytics, l’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning per trarre il massimo valore da questa enorme mole di dati, tramite gli insight, che non sono altro che le informazioni contenute tra i dati e in gradi di guidare il business”.  

Alcuni esempi permettono di comprendere meglio i fenomeni in atto: “nell’area Finance si prevede che il 75 per cento del tempo speso sarà sull’analisi dei dati, cioè sugli analytics moderni: oggi fare analytics non significa guardare solo a ciò che è successo, ma fare previsioni e prendere decisioni”, ha proseguito Spoletini, sottolineando che anche nell’area marketing “è previsto un incremento significativo della spesa in analytics, per capire sempre di più il comportamento dei consumatori e cambiare le offerte in continuazione”.  

L’ora dell’One Single Data Model

Sono solo due esempi di come “la disruption tecnologica dei dati stia aprendo a una nuova rivoluzione digitale, nella quale le aziende faranno ricorso a processi sempre più data driven, nella quale la strategia di Oracle è quella di lavorare su tre aree: business process innovation, technology innovation e customer success. In particolare, la prima area è relativa alla nostra strategia per le applicazioni, che ci vede presenti sul mercato con una suite di prodotti SaaS per Erp, Hcm, Scm e Cx, tutte caratterizzate dall’avere un unico modello a supporto, l’One Single Data Model, che permette di avere i dati alimentati da tutti i processi”, ha spiegato Spoletini.  
oracle plenaria 5 nov 2019 1

Il “manager aumentato”

Non solo: “nella nostra visione, abbiamo anche processi di AI e a di Analytics a supporto dell’intera linea di applicazioni aziendali”, ha fatto notare il manager, sottolineando in particolare l’Artificial Intelligence, i cui algoritmi sono alimentati dai dati: più ce ne sono e più le decisioni divengono efficaci: è il concetto di “Augmented CxO”, dove il valore dei dati a supporto degli applicativi serve a “potenziare” i manager nelle loro capacità di far crescere il business e le persone, grazie alla disponibilità di dati, analytics, intelligenza artificiale e machine learning profondamente integrati con il cloud Oracle, nelle applicazioni e nelle infrastrutture.

È per questo che “il manager aumentato diventa necessario, in quanto la trasformazione digitale crea complessità, e il manager da solo non riuscirebbe a gestirla: non possiamo non essere manager aumentati se vogliamo gestire tutto”, ha sintetizzato Spoletini.
 In questo contesto, “Oracle è in grado di semplificare l’uso degli strumenti di AI e ML, mettendosi a disposizione dei C-Level di ogni linea di business con soluzioni agili, interfacce semplici da usare, una base di dati unica e convergente per abbattere i silos interni alle aziende e liberare il prezioso valore dei dati, senza peraltro aumentare la superficie di attacco per eventuali sfide di sicurezza, che è poi il tratto differenziante e unico del nostro cloud di seconda generazione”, ha ribadito Spoletini. 

L’Autonomous Database

L’attenzione di Fabio Spoletini si è poi concentrata sui temi della technology innovation, emersi anche nel classico appuntamento Oracle OpenWorld di metà settembre a San Francisco, con l’Autonomous Database in primo piano. Riguardo all’Autonomous Database, spiccano due concetti chiave: “la presenza dell’AI per la sua gestione e il fatto di essere convergente, cioè non più a silos, con un unico data base che riduce la complessità e serve per gestire tutti i modelli di dati, in tutta sicurezza e con un elevato livello di servizio”, ha spiegato Spoletini, ribadendo che "il data base rimane il cuore per estrarre il valore dai dati e gestire tanti modelli sui quali verranno applicati algoritmi di AI e ML”. Altro tema chiave è quello del Cloud Gen 2 di Oracle, ovvero “la seconda generazione del nostro cloud infrastrutturale, che è sempre più di livello enterprise e nel quale la sicurezza non è più un’opzione ma è by design”, ha sottolineato Spoletini, anticipando anche che “entro il 2020 il cloud IaaS di Oracle arriverà a coprire 36 Region nel mondo”.  

La partnership con Microsoft

Infine, sempre a proposito di cloud, non poteva mancare un commento articolato sulla partnership strategica con Microsoft per interconnettere i data center, definita da Spoletini come “opportunità win-win, soprattutto in uno scenario che va sempre più verso il multicloud, nel quale il ruolo di Oracle è quello di essere il cloud per i dati, e con l’interconnessione dei rispettivi data center siamo oggi in grado di offrire la migliore architettura per la costruzione di applicazioni cloud native. Nel dettaglio, i piani prevedono che nel 2020 portare applicazioni sui data center di entrambi: il layer applicativo su Azure e il layer dei dati su Oracle”. Ma soprattutto “si tratta di una partnership particolarmente forte: in un mercato cloud che vede 4 o 5 player, ce ne sono due che si coalizzano e la somma di questo 1+1 sarà molto superiore a 2”, conclude Fabio Spoletini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 02/12/2019

Speciali

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio