Logo ImpresaCity.it

La strada di Juniper verso Ethernet a 400 Gigabit

Per agevolare la migrazione da 100 GbE a 400 GbE, Juniper punta su dispositivi che gestiscono entrambe le interfacce e garantiscono quindi un passaggio “soft” alle alte velocità di rete

Redazione Impresacity

Di norma il passaggio da una tecnologia di rete a una successiva, più performante, è legato alla necessità di maggiore banda ma anche alla disponibilità di nuovi dispositivi di rete con un costo per bit conveniente. Tranne che per le poche realtà che hanno sempre bisogno della massima banda possibile, quindi, la transizione da una tecnologia all’altra è rallentata da un fattore economico. Secondo Juniper Networks questo sta avvenendo anche nel passaggio da 100 Gigabit Ethernet alla versione da 400 Gbps, mentre invece nelle reti di trasporto, nelle WAN e nei datacenter c’è bisogno già ora di incrementare le velocità trasmissive.

Per Juniper la soluzione sta ancora nello sviluppo tecnologico: sfruttare l’esperienza maturata in campo interfacce ed elettronica per offrire router e switch in grado di gestire oggi 100 GbE ma di passare a 400 GbE in un percorso di migrazione graduale e “indolore”. Idealmente, sostituendo semplicemente i moduli di interfaccia a 100 Gigabit con i loro eredi. Tecnicamente, sostituendo i moduli QSFP28-DD con i nuovi QSFP56-DD.

A livello di reti di trasporto IP questa strategia si concretizza con un nuovo router - il PTX10003 Packet Transport Router – che dovrebbe essere commercializzato nella seconda metà del 2018 ed è destinato a tre ambienti principali: backbone, peering e datacenter. In tre rack unit può gestire 160 porte 100 GbE oppure 32 porte a 400 Gigabit.

Un approccio analogo è stato seguito per lo switching nelle reti di datacenter. In questo ambito la novità principale è la serie di switch QFX10003, che occupano anch’essi tre RU e possono passare da 160 porte 100 GbE a 32 porte 400 GbE. Per applicazioni più semplici arriverà anche la linea di switch QFX5220: gli switch sono più compatti (1 RU) ma a maggiore densità di porte, potendo arrivare comunque a 32 porte da 400 Gigabit.

Per quanto riguarda infine le reti WAN, le novità non riguardano i device di rete ma la possibilità di far evolvere ulteriormente una linea presentata qualche settimana fa: la MX Series 5G Universal Routing Platform. A metà 2019 è prevista la disponibilità di schede 400 GbE per i router MX960, MX480 e MX240.
Pubblicato il: 30/07/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce