▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Cisco e Splunk, standardizzare l’osservabilità

Unified Observability Experience offre la possibilità di costruire uno strumento pratico, adatto alle esigenze degli ambienti IT on-premise, ibridi e multicloud

Tecnologie

Da Cisco arriva la prima delle integrazioni realizzate con Splunk, recentemente acquisita, con cui le due aziende uniscono le loro tecnologie di osservabilità con l’obiettivo è offrire alle imprese soluzioni di full-stack observability ancora più potenti e complete, che aiutino a offrire esperienze digitali più performanti e sicure.

Adottando la full-stack observability è possibile ottenere visibilità su qualsiasi ambiente IT (on-premise, ibrido e multi cloud) e su qualsiasi stack; allo stesso tempo si possono sfruttare potenti capacità di analisi in tempo reale per rendere più rapida e accurata l’individuazione di eventuali problemi, il loro studio e la loro risoluzione.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Facendo seguito alla recente acquisizione, Cisco e Splunk hanno annunciato nuove integrazioni che includono la creazione di un’esperienza d’uso unificata delle soluzioni di osservabilità, rivolta ai clienti comuni, l’introduzione di Splunk Log Observer Connect for Cisco AppDynamics e l’integrazione di Cisco AppDynamics con Splunk IT Service Intelligence (ITSI).

Grazie all’unione tra la visibilità sulla rete e su qualsiasi ambiente IT propria delle soluzioni Cisco e le capacità di analisi dei log e di osservabilità cloud native offerte da Splunk, i clienti possono usare questi strumenti per ottimizzare tutti i loro processi di business e ridurre i “punti ciechi”.

Contestualmente, sono state presentate anche altre innovazioni, tra cui un nuovo AI Assistant per AppDynamics, che offre agli utenti insight, li guida, permette di prendere decisioni informate con più accuratezza e velocità; inoltre è stato ampliato l’hosting di AppDynamics Software as a Service (SaaS) su Microsoft Azure. Infine, è stata lanciata anche la soluzione Advanced AI in Splunk IT Service Intelligence (ITSI), che mette a disposizione del personale IT funzionalità di allarme più precise e dà una visione più accurata dello stato di salute degli asset informatici.

Grazie alle innovazioni e integrazioni di Cisco e Splunk, i clienti ottengono una visibilità unificata su tutto il loro perimetro digitale, comprendendo sia le reti di proprietà, sia le reti gestite da terzi. L’esperienza unificata di osservabilità aiuta ad andare incontro alle specifiche esigenze dei vari ambienti IT, on-premise, ibridi o multi cloud.

Avere il pieno controllo sui loro dati, grazie alla visibilità unificata offerta dall’unione delle soluzioni di osservabilità Cisco e Splunk, aiuta i clienti a investire in modo più mirato, efficace e intelligente su sistemi e servizi digitali. Questo significa che possono sfruttare al meglio il loro footprint digitale per attrarre più opportunità di business e di crescita”, commenta Tom Casey, SVP and GM, Products & Technology di Splunk.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter