Oniro vuole essere l'OS indipendente dell'IoT

La Eclipse Foundation spinge il progetto Oniro: un sistema operativo vendor-neutral per le applicazioni Internet of Things

Tecnologie
Quale è il principale problema del mondo IoT (a parte la sicurezza poco intrinseca delle sue piattaforme)? Per la maggior parte degli sviluppatori interessati a questo mercato in forte crescita è certamente la frammentazione del comparto. Il fatto cioè che ogni produttore di device IoT ha la tendenza a sviluppare una propria piattaforma operativa che non è a priori completamente compatibile con quelle degli altri. Certo nascono spesso alleanze di mercato che vanno verso una certa interoperabilità, ma si tratta di iniziative limitate.

In realtà la gran parte dei produttori di soluzioni IoT usa di fatto Linux come piattaforma. Solo che questo non basta per una vera interoperabilità: il "cuore" open source è infatti circondato da codice e moduli proprietari. Oltre che, spesso, da scelte architetturali e di implementazione che sono fatte apposta per realizzare un ambiente molto meno aperto di quanto vorrebbero gli utenti finali. Inoltre, la longevità di ogni singola piattaforma proprietaria è tutta da provare. Con il progressivo affermarsi dell'edge computing, lo stesso problema potrebbe presentarsi anche nei nuovi ambienti periferici delle reti.

Ora la Eclipse Foundation prova ad affrontare il problema con un nuovo progetto: Oniro. In estrema sintesi, un progetto dedicato allo sviluppo di un sistema operativo derivato da Linux che viene presentato come "un'alternativa trasparente e vendor-neutral rispetto ai sistemi operativi IoT ed edge ad oggi presenti sul mercato". In realtà Oniro non nasce da zero e nemmeno, a ben vedere, da uno sforzo spontaneo della comunità open source. Il che può essere un bene o un male, a seconda dei punti di vista.
markus spiske linux unsplashOniro al momento è una implementazione definita "indipendente e compatibile" di OpenHarmony, un sistema operativo open source sviluppato sotto la governance della OpenAtom Foundation. In sostanza, la versione "aperta" di HarmonyOS, il sistema operativo che Huawei ha sviluppato - o quantomeno rafforzato - per compensare l'impossibilità di usare Android dovuta ai veti del Governo USA. La Eclipse Foundation ha definito una collaborazione con la OpenAtom Foundation e ha deciso di spingere la diffusione di OpenHarmony, solo "ricarrozzandolo" in un progetto a più ampio respiro.

Quanto ampio? Qui sta il nocciolo della questione. La collaborazione tra Eclipse Foundation e OpenAtom Foundation rende il progetto sostanzialmente euro-cinese. Ma Huawei sottolinea di aver collaborato con il gruppo Linaro per lo sviluppo della versione iniziale di Oniro. E Linaro è un insieme di realtà che comprende comunque nomi "globali" ben noti come Fujitsu, Google, Red Hat, ST, Samsung. Inoltre, all'interno di Oniro c'è anche parte del lavoro fatto nell'ambito di Yocto, un progetto per lo sviluppo di versioni embedded di Linux.

L'obiettivo della Eclipse Foundation per Oniro resta ambizioso - essere "un sistema operativo di nuova generazione in grado di supportare il futuro del mobile, dell'IoT, della machine economy, dell'edge e non solo", nelle parole dell'Executive Director Mike Milinkovich - ma merita almeno il beneficio del dubbio.

Certo tutto dipende dalla affidabilità che le aziende potenzialmente utenti riconosceranno ad Oniro. Prima di arrivare a quel "ecosistema dei dispositivi a marchio Oniro" già delineato dalla Eclipse Foundation bisogna superare questo ostacolo, legato anche alla diffidenza che certi mercati hanno oggi verso le tecnologie di base cinesi. Anche per questo il progetto di Oniro dovrebbe presto essere presto collegato ad OpenChain, ossia lo standard ISO/IEC 5230 per la certificazione dello sviluppo open source "affidabile" tra gruppi di aziende.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori