HPE dà una mano ad OpenRAN

Con OpenRAN Solution Stack intende favorire la diffusione dell'approccio "open" alle reti 5G

Tecnologie
Il 5G? Tutti ci credono, tutti ci puntano come trampolino per nuovi servizi digitali. E, dal punto di vista degli operatori mobili, come strada per arrivare a nuove fonti di fatturato in un mercato - quello delle TLC mobili - che per anni ha puntato al prezzo più basso come criterio chiave di scelta. Il problema è che mettere in campo una rete 5G funzionante può essere sensibilmente costoso per un carrier. Che magari ne vedrà i benefici solo nel medio termine. I grandi operatori possono permetterselo e sono già partiti, gli altri sono più prudenti.

OpenRAN può essere una soluzione (parziale) al dilemma, per molte realtà. Invece di puntare su soluzioni più o meno chiuse e proprietarie, permette - in teoria - di scegliere approcci ed architetture standard per la parte di accesso radio. Un tassello di una visione "open" più ampia che il Telecom Infra Project intende estendere anche alla parte di backhauling e core network. Servono però vendor tecnologici di peso ed operatori importanti che sposino OpenRAN. Altrimenti rischia di restare un approccio secondario.

Bene quindi che anche HPE sia scesa in campo con una soluzione specifica. È HPE Open RAN Solution Stack, che comprende un software di orchestrazione e automazione, modelli di infrastrutture specifiche per le RAN e infrastrutture ottimizzate per le telco. Lato hardware, comprende il nuovo server HPE ProLiant DL110 Gen10 Plus, ottimizzato proprio per i workload OpenRAN.
trasmissioni 5gLo Open RAN Solution Stack segue le orme del HPE 5G Core Stack - uno stack software di rete core 5G open, cloud-native e containerizzato, presentato a marzo dello scorso anno - ed amplia la gamma di soluzioni open e interoperabili che il Communications Technology Group (CTG) di HPE sta sviluppando. Le soluzioni sono collegate con una piattaforma di orchestrazione e sono sostenute da un ecosistema di partner. HPE sottolinea che "i leader del settore stanno già lavorando per testare e ottimizzare il loro software Open RAN con la HPE Open RAN Solution Stack".

L'idea di fondo è che adottare piattaforme hardware e software open e interoperabili consenta nel mondo delle telecomunicazioni quello che è già da tempo possibile nei data center: abbandonare le soluzioni proprietarie monolitiche per combinare hardware industry standard e software best-of-breed di più fornitori. In questo modo la cloudification delle reti telco assume un significato completo, senza negare il vantaggio che soluzioni pre-testate e pre-integrate - come gli stack HPE in questo caso - possono offrire.

HPE ritiene infatti che l'approccio a stack favorisca la diffusione su larga scala di OpenRAN. Perché riduce i rischi, la complessità e i tempi di implementazione dei progetti "open", pur consentendo l'utilizzo di componenti da diversi fornitori. Mentre, sostiene HPE, "il piccolo numero di implementazioni OpenRAN attualmente in funzione è costruito su configurazioni su misura che non sono progettate per essere replicate su migliaia di siti".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori