Logo ImpresaCity.it

Infinidat: come cambia lo storage nell'era del cloud

Cloud significa elasticità ma anche controllo sui dati, due elementi che Infinidat vuole abilitare con la sua Elastic Data Fabric

Redazione Impresacity

Se i dati sono, come affermano un po' tutti da qualche tempo, il "nuovo petrolio", allora bisogna realizzare infrastrutture di storage che questo petrolio virtuale lo possano portare là dove serve nel minore tempo possibile. È un problema generale per chiunque operi nel mercato storage. Infinidat - spiega Donato Ceccomancini, Country Sales Manager della società per l'Italia - lo ha affrontato "ripensando da zero lo storage, portando sempre più intelligenza alla componente software e in particolare alla parte di caching". Portare le funzioni chiave lato software permette di "realizzare architetture di storage ad alte prestazioni ma a basso costo".

Un approccio che per Infinidat è strettamente collegato al percorso che le imprese stanno facendo verso il cloud. La "nuvola" ha infatti dimostrato alle imprese i vantaggi delle soluzioni flessibili. E ora queste ricercano flessibilità un po' ovunque. Lato storage, la risposta di Infinidat a questa esigenza è una architettura - la Elastic Data Fabric - articolata in modo appunto da cercare di offrire flessibilità.

Un'architettura in cui il componente "monolitico" è essenzialmente l'array di storage. In casa Infinidat si chiama InfiniBox ed è un sistema che usa storage convenzionale e flash. Le funzioni di machine learning - complessivamente la Neural Cache - permettono di avere, secondo Infinidat, prestazioni migliori anche rispetto ai sistemi all-flash. E la possibilità di gestire nativamente funzioni, come la cifratura dei dati, che non sempre si sposano idealmente con la compressione e la deduplica tipiche degli array completamente flash.

infinibox infinidatIn questa fase però Infinidat non punta solo sul fattore prestazioni. Nel passaggio al cloud molte imprese hanno paura di perdere il controllo sui loro dati, sparsi tra varie "nuvole". Mentre altre vogliono sfruttare le funzioni del coud pubblico ma non intendono far uscire i dati critici dalle loro infrastrutture. Come anche altri produttori, Infinidat propone un'architettura in cui lo storage e i dati restano sotto controllo, ma aperti alle funzioni abilitate esternamente dai cloud provider.

L'architettura si basa essa stessa su un servizio cloud, erogato da Infinidat e battezzato Neutrix Cloud. Il cloud di Infinidat fa in sintesi da snodo tra lo storage on-premise e i servizi cloud di provider quali Google, AWS e Microsoft. In questo modo i dati non devono essere passati direttamente agli hyperscaler, o peggio replicati tra più cloud, pur supportando una strategia complessivamente multicloud. Allo stesso tempo, Neutrix Cloud abilita alcune funzioni aggiuntive di protezione dei dati, come il disaster recovery in cloud.

La flessibilità del cloud è legata anche all'idea che sia possibile mandare in pensione l'overprovisioning. Invece di acquistare ed allocare risorse in funzione dei picchi di utilizzo, il cloud permette di attivarle in funzione delle necessità in ogni momento. Infinidat vuole implementare la filosofia as-a-Service anche quando si tratta di storage. Lo fa con l'opzione FLX, che prevede come al solito l'installazione on-premise di array InfiniBox. I quali però si pagano a consumo e, per chi adotta un modello di acquisto completamente cloud-style, sono aggiornati ogni tre anni nelle loro componenti hardware principali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 02/12/2019

Speciali

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio