Infinidat, per lo storage è l’ora dell’Elastic Data Fabric

Una vision completa per il data center multi-petabyte

Trasformazione Digitale Cloud
Per i data center enterprise che operano su scala multi-petabyte, Infinidat ha la ricetta pronta, racchiusa nel concetto di Elastic Data Fabric. Con alcune componenti immediatamente disponibili e altre che lo saranno a metà del 2020, l’Infinidat Elastic Data Fabric ha l’obiettivo di creare una infrastruttura in grado di supportare la mobilità dei workload tra sistemi, data center e cloud storage.

I primi componenti dell’Elastic Data Fabric, che in base a una nota dell’azienda ridurrà “di fatto le migrazioni di dati a un relitto del passato dell’IT, come successo con altre tecnologie e servizi ormai obsoleti”, sono InfiniVerse, InfiniBox FLX e InfiniGuard FLX, e la release 5 del software InfiniBox.

Più in dettaglio, InfiniVerse, disponibile nel secondo trimestre di quest’anno senza costi aggiuntivi, è una piattaforma di monitoraggio avanzato, analisi predittiva e supporto cloud-based e AI-driven. Comprende dashboard personalizzabili per tutti i sistemi InfiniBox, ovunque si trovino, come se fossero un sistema unico. Informazioni dettagliate offrono ai clienti la possibilità di identificare la capacità utilizzabile, prevedere la crescita, disegnare le performance e identificare le problematiche di configurazione che potrebbero impattare sulle prestazioni o sulla disponibilità.

Immediatamente disponibili, InfiniBox FLX e InfiniGuard FLX permettono di ottenere superiore agilità a livello di data center, rimuovendo le tradizionali dipendenze legate alla gestione e pianificazione dell’hardware in un modello di consumo cloud-like. Con sottoscrizioni all-inclusive che comprendono backup e storage on-premise, questi programmi permettono ai clienti di pagare per quello che effettivamente utilizzano, man mano che ne hanno necessità – variando la capacità in base alla crescita dei workload, alla loro conclusione o al trasferimento ad altri sistemi. Entrambi i programmi garantiscono il 100% di disponibilità dei dati e comprendono un refresh completo dell’hardware (controller e media) ogni tre anni, incluso nel corso della sottoscrizione.

Con disponibilità prevista a partire dal terzo trimestre di quest’anno, InfiniBox Software Release 5 comprende una serie di innovazioni software che permettono di ottenere miglioramenti delle performance, Network Lock Manager (NLMv4) per filesystem NFSv3, Active/Active Replication per una disponibilità dei dati al 100%, e Non-Disruptive Data Mobility per una più semplice distribuzione dei workload tra due sistemi InfiniBox. I miglioramenti delle performance comprendono una riduzione della latenza across-the-board, consentendo picchi di 2M IOPs e un throughput più elevato, fino a 25GB al secondo.

Da sempre ci concentriamo sul multi-petabyte, ed è ora di rendere ancor più chiara la nostra leadership su questo mercato in tema di innovazione, esecuzione e di creazione di valore per i nostri clienti”, ha spiegato Brian Carmody, Chief Technology Officer di Infinidat. “Con questo annuncio, compiamo un passo avanti particolarmente significativo, definendo le necessità di uno storage multi-petabyte e offrendo la migliore soluzione in assoluto, oggi e in ottica futura.”
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori