Logo ImpresaCity.it

Dopo il caso Huawei si prepara una piccola fuga dalla Cina?

Il caso Huawei sembra rientrato ma lo scenario commerciale USA-Cina si è fatto troppo rischioso. E c'è chi pensa di spostare le sue produzioni altrove.

Non è ancora del tutto chiaro se le sanzioni contro la cinese Huawei siano state ritirate. Il Presidente Trump ha lasciato intendere che sarà così, ma per ora il Department of Commerce americano considera l'azienda ancora "bandita" dal commercio delle tecnologie statunitensi. Comunque vada, è chiaro che molte cose cambieranno nei rapporti tecnologici tra USA e Cina e anche tra Oriente ed Occidente. Il rischio che una decisione governativa metta in pericolo miliardi di dollari di business è troppo alto, da entrambe le parti.

Così molto probabilmente le aziende cinesi accelereranno lo sviluppo di componenti e software propri che le rendano meno dipendenti dalle aziende americane con cui comunque fanno affari. E, secondo quanto riporta il Nikkei Asian Review, stiamo per vedere in atto le contromosse delle imprese della Silicon Valley.

Secondo il Nikkei, infatti, molti grandi nomi dell'IT stanno organizzandosi per portare fuori dalla Cina una parte delle produzione di hardware. In prima linea ci sono HP e Dell, che intenderebbero riallocare circa un terzo della produzione cinese dei loro notebook in altre nazioni. HP potrebbe avviare già dal prossimo autunno nuove linee produttive in Thailandia od a Taiwan, mentre Dell potrebbe rafforzare le produzioni pilota che ha già lanciato a Taiwan, nel Vietnam e nelle Filippine.

made in the usa
Altri nomi noti che starebbero valutando lo spostamento delle loro produzioni sono, sempre secondo Nikkei, Microsoft, Google, Amazon, Sony e Nintendo. In questi casi i prodotti coinvolti sono più di elettronica di consumo che propriamente di IT: console giochi, e-reader, smart speaker. Le nazioni che potrebbero conquistare queste produzioni sono quelle che nel Sud-Est asiatico potrebbero offrire condizioni simili alla Cina: Vietnam, Thailandia, Indonesia.

Nikkei indica che anche altri produttori di PC e server si stanno attrezzando per ridurre la loro dipendenza dalla produzione localizzata in Cina: Acer, Asustek e Lenovo. Lo hanno già fatto nomi meno noti al grande pubblico ma che muovono i grandi volumi di server del mercato ODM, nomi come Quanta e Foxconn.

I produttori ODM hanno già attivato produzioni a Taiwan, in Messico e nella Repubblica Ceca, per coprire meglio tutto il globo e per evitare le conseguenze negative di eventuali altri blocchi all'esportazione di tecnologia. O comunque i danni economici che porterebbe uno scontro sui dazi applicati alle tecnologie estere da parte di USA o Cina. La spiacevole conseguenza per gli utenti è che qualsiasi "fuga" dalla Cina probabilmente comporterà un aumento dei costi dei prodotti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 03/07/2019

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola