Logo ImpresaCity.it

Blockchain: cos'è oggi (a parte Bitcoin) e a cosa serve

Perché blockchain piace un po' a tutti e quali ostacoli deve ancora affrontare per essere definitivamente accettato nelle applicazioni enterprise

Ci sono poche tecnologie che in questi ultimi due-tre anni sono cresciute in popolarità quanto blockchain. Dalla sua prima concettualizzazione, una decina di anni fa, l'approccio di blockchain e dei ledger distribuiti ha trovato cittadinanza un po' ovunque, promettendo di cambiare il modo in cui le aziende gestiscono le informazioni legate a transazioni di qualsiasi tipo. L'appeal principale di blockchain sta infatti nella capacità di realizzare, in estrema sintesi e semplificando, un database distribuito che garantisce sempre, nativamente, la correttezza delle informazioni che custodisce.

Per capire meglio il valore di questa promessa bisogna però capire come funziona blockchain, in concreto. Una blockchain (femminile, nel senso di "catena di blocchi") è quello che il suo nome indica: una sequenza ordinata (catena) di gruppi di informazioni (blocchi), ciascuno dei quali serve idealmente a memorizzare una generica transazione. Ad esempio l'acquisto di un bene, lo spostamento di un componente lungo una supply chain, il trasferimento di una somma di denaro.

Più in dettaglio, un blocco contiene tre elementi chiave: un identificatore cifrato del blocco che lo precede nella catena, identificatore che viene creato a partire dai dati del blocco stesso; un marcatore temporale, che indica quando è stato creato; una struttura dati ad albero, protetta con funzioni di hashing per conservare informazioni e garantirne la correttezza e l'attendibilità.

capgemini blockchain 0
Con questi elementi è possibile definire una catena ordinata di blocchi le cui informazioni non si possono cambiare facilmente. Se cambiassimo i dati di un blocco, ad esempio per variare la somma di un bonifico bancario, cambierebbe infatti anche il suo identificatore. Dovremmo quindi cambiare anche il blocco seguente della blockchain, che contiene questo identificatore. E per lo stesso motivo, a cascata, tutti i seguenti.

Ragionando al contrario, questa caratteristica fa sì che si possa verificare la validità di un blocco andando "indietro" sino al blocco che ha dato vita alla blockchain: basta controllarne gli identificatori.

Da blockchain ai ledger distribuiti

Fin qui la blockchain è una struttura dati quasi come un'altra, anche se dotata di caratteristiche proprie interessanti. Il suo vero valore si esprime quando viene unita ai concetti di decentralizzazione, rete peer-to-peer e consenso, portando tra l'altro all'approccio dei ledger distribuiti. Tecnicamente meglio noto come DLT (Distributed Ledger Technology), questo approccio oggi è praticamente sinonimo di blockchain, ma i due concetti sono in realtà autonomi.

Decentralizzare una blockchain serve a proteggere meglio le sue informazioni. Per questo si crea una rete peer-to-peer di nodi connessi fra loro, ciascuno dei quali mantiene una copia della blockchain. Non esiste un nodo unico che centralizza le informazioni e nemmeno uno o più nodi che sono più importanti di altri nella gestione delle informazioni. Un po' come per Internet in generale, questa architettura è quindi protetta rispetto alla perdita di uno dei suoi nodi, o anche più di uno.

blockchain challenges wide
L'approccio P2P serve anche a garantire che nessun nodo possa arbitrariamente cambiare le informazioni contenute nella blockchain e presentarle come valide. A parte le funzioni di protezione dati intrinseche in una blockchain, non esiste un nodo che abbia abbastanza "potere" da imporre i suoi dati sugli altri. Un blocco - quindi una transazione - è valido se i nodi della rete raggiungono il consenso sulla validità delle informazioni che contiene.

In questo ambito consenso non vuol dire essere genericamente d'accordo. Tecnicamente si parla di meccanismi di consenso: protocolli che garantiscono che ogni nodo sia sincronizzato con gli altri e inserisca nella sua blockchain locale solo transazioni legittime. In sostanza: tutti usano la stessa blockchain, tutte le transazioni sono verificate e tutte le blockchain sono approvate da tutti i nodi. Negli anni sono stati sviluppati molti protocolli di consenso con caratteristiche anche molto diverse, ma lo scopo finale è il medesimo.

Idealmente, quindi, le tecnologie blockchain e i ledger distribuiti realizzano un sistema in cui i partecipanti condividono un archivio decentralizzato di transazioni "garantite", sicuri che le informazioni siano le stesse per tutti e siano sempre corrette. Chiaramente tutto questo è molto interessante per le aziende di molti settori, ma in particolare per gli scenari in cui varie entità gestiscono in rete fra loro un numero molto elevato di transazioni. Ambito finanziario, tracciabilità e logistica sono stati per questo i primi mercati di riferimento per blockchain.

Blockchain: chi fa cosa

L'interesse per le tecnologie blockchain e per i ledger distribuiti è forte per le imprese che cercano di scambiare informazioni in maniera più elastica. Soprattutto per le grandi imprese, l'idea è quella di affrancarsi da sistemi che sono certamente sicuri ma che sono anche percepiti come troppo rigidi di fronte alla digitalizzazione. Specialmente nel Finance, si cerca una piattaforma su cui poter costruire velocemente servizi innovativi. E blockchain promette di essere proprio questo.

blockchain 3438501 1280
Le applicazioni in campo finanziario ed assicurativo di blockchain sono quindi già molte, anche sulla spinta delle startup fintech e insurtech che hanno puntato sui ledger distribuiti. Molto per i loro vantaggi ma un po' anche, va detto, perché blockchain oggi fa molto innovazione e, magari, attrae capitali. Ma sono scese in campo blockchain anche grandi istituzioni del mondo Finance, con progetti più o meno convincenti.

Più in generale blockchain piace là dove è essenziale garantire la correttezza e l'immutabilità delle transazioni tra più parti. Quindi ecco blockchain seguire ad esempio la tracciabilità alimentare, la gestione delle parti di ricambio, l'autenticità di preziosi. E il campo delle applicazioni può solo allargarsi.

Blockchain: i freni alla crescita

Non è tutt'oro quello che è blockchain, ovviamente. Parliamo comunque di un complesso di tecnologie che non si possono definire nuove ma che si stanno confrontando da poco con le applicazioni di fascia alta. Sinora blockchain per molti è stato semplicemente la base delle criptovalute. E questo non è stato un bene per l'accettazione e la diffusione nelle grandi imprese delle tecnologie DLT. Ci sono alcuni freni concettuali e alcuni problemi tecnologici che vanno quantomeno tenuti presente.

Dal punto di vista concettuale c'è innanzitutto da considerare che il binomio blockchain-DLT costituisce una piattaforma abilitante molto generica, non strettamente legata al mondo finanziario. Non esistono quindi le applicazioni "giuste" per blockchain, che ha senso o meno a seconda di quello che si vuole ottenere e non dell'ambito in cui si opera. O dell'effetto "cool" che si vuole ottenere.

blockchain video
Parallelamente, però, è necessario anche approcciare blockchain con uno spirito di sperimentazione, senza cercare il business case perfetto e il progetto idealmente pianificato. In fondo si tratta di tecnologie relativamente nuove e applicate spesso in contesti - vedi il bancario/assicurativo - caratterizzati da centralizzazione e rigidità dell'IT e dei processi. Sposare la decentralizzazione di blockchain non è sempre banale.

Tutto questo poi resta pura teoria se le imprese non possono approcciare le tecnologie blockchain nel modo per loro migliore. Non tutte sono grandi aziende che possono mettere in campo direttamente le loro competenze tecniche o coinvolgere i grandi consulenti e system integrator. Servirà quindi una crescita progressiva crescita dell'offerta di blockchain in vario modo "preconfezionate", come piattaforme di sviluppo o come vere e proprie applicazioni già strutturate.   

Ci sono poi da considerare alcuni problemi tecnologici che sinora non sono stati completamente affrontati, critici quando le aziende vogliono andare oltre i progetti pilota o i Proof-of-Concept limitati a pochi partecipanti.

block chain 3569793 1280
L'aspetto chiave in questo senso è che l'inviolabilità delle blockchain non è davvero assoluta. In alcuni casi è stato già provato che un attaccante con una adeguata potenza elaborativa può manipolare i meccanismi di consenso e - semplificando le cose - modificare a piacimento una blockchain. Sono stati casi limite e nelle implementazioni enterprise la questione si può affrontare in molti modi, ma non va sottovalutata.

Infine, ci sono tasselli che semplicemente ancora mancano o che non sono abbastanza solidi per applicazioni davvero complesse e scalabili, per quantità di transazioni e di nodi coinvolti. Servono ad esempio protocolli affidabili e riconosciuti per scambiare dati tra piattaforme blockchain diverse.

E serve anche una maggiore "security by design" delle piattaforme stesse e delle componenti che vi si appoggiano, come i linguaggi per la definizione degli Smart Contract (procedure che si eseguono automaticamente in una blockchain al verificarsi di determinate condizioni). C'è, insomma, ancora da lavorare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 04/06/2019

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT