Logo ImpresaCity.it

Blockchain contro la contraffazione nel comparto aerospazio

Thales e Accenture combinano blockchain e IoT per evitare l'ingresso nelle supply chain di prodotti contraffatti o del mercato grigio

Redazione Impresacity

Nel settore aereo blockchain ha fatto il suo ingresso già da tempo, ma di solito con progetti mirati ad ambiti specifici. Accenture e Thales hanno invece deciso di affrontare la questione in maniera molto più trasversale e hanno presentato il prototipo di una piattaforma che, grazie ai ledger distribuiti, promette di seguire in dettaglio le complesse supply chain del comparto aerospazio.

L'obiettivo della collaborazione tra Accenture e Thales non è solo la generica tracciabilità della supply chain ma in particolare garantire che nelle forniture non entrino prodotti contraffatti o del "mercato grigio". Materiali, parti di ricambio e componenti non sono semplicemente tracciati ma ne viene sempre individuata la provenienza lecita.

Le supply chain del settore aerospaziale/difesa sono particolarmente complesse, spiegano i due partner tecnologici. Gestire una miriade di singoli pezzi aumenta la probabilità che qualche componente contraffatto o "rimesso a nuovo" entri in gioco dove non dovrebbe, con immaginabili rischi per la sicurezza.
airbus aereoIl sistema progettato da Accenture e Thales utilizza i ledger distribuiti come piattaforma sulla quale basare la tracciabilità dei singoli componenti, ma non si ferma solo a questo. Servono anche soluzioni più di basso livello che garantiscano la corretta provenienza dei prodotti. Per questo sono impiegate alcune tecnologie particolari prodotte da Thales e da Chronicled.

Thales porta ad esempio in dote una soluzione per identificare univocamente i chip attraverso le loro caratteristiche fisiche intrinseche (le cosiddette Physically Unclonable Function). Da Chronicle arrivano invece i CryptoSeal, sigilli con un chip RFID che si registrano nei ledger distribuiti, per la tracciabilità dei prodotti a cui sono applicati, e permettono anche di evidenziare eventuali manomissioni dei prodotti e dei loro imballaggi.

Tutte queste informazioni, e le altre conservate nei ledger distribuiti, vengono raccolte e presentate in una piattaforma unica. In questo modo diventa possibile avere una vista integrata delle supply chain, estesa a fornitori, produttori e operatori dei servizi di manutenzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 19/07/2018

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy