Logo ImpresaCity.it

TrustChain: una blockchain per tracciare la provenienza dei gioielli

Parte negli USA un progetto pilota di iBM: una base blockchain per garantire la correttezza nelle operazioni della supply chain orafa

Redazione Impresacity

Molte aziende sono interessate a valutare la fattibilità di progetti blockchain ma sono frenate da una semplice constatazione: i casi d'uso concreti sono molto specifici. Escluse le criptovalute, che non si possono considerare un esempio di utilizzo affidabile, si parla molto di blockchain nel mondo Finance e poi nella logistica, specie per le grandi imprese di trasporti. Serve qualcosa di più vicino alla realtà delle aziende per così dire "normali".

Ora IBM ha dato vita a un progetto che presenta elementi potenzialmente trasferibili a molti settori di mercato. L'iniziativa è stata battezzata TrustChain e vede l'utilizzo dei ledger distribuiti come strumento per garantire la trasparenza nella supply chain del settore orafo.

TrustChain è in realtà un consorzio in cui IBM è il fornitore della tecnologia blockchain. Le altre realtà coinvolte sono un ente certificatore (UL), un fornitore (LeachGarner) e un raffinatore (Asahi Refining) di metalli preziosi, un produttore (The Richline Group) e un retailer (Helzberg Diamonds) di gioielli.

L'obiettivo di TrustChain è garantire la provenienza lecita - ed anche etica e sostenibile - dei singoli gioielli. Inizialmente avrà una focalizzazione precisa: tracciare sei tipi di anelli di fidanzamento in oro e diamanti, in modo che entro fine 2018 - i lavori del consorzio sono cominciati oltre un anno fa - chi ne acquista uno possa consultare tutta la sua storia.

diamanti
La blockchain di TrustChain nasce per tracciare la provenienza dei diamanti e dei metalli preziosi che compongono i prodotti finiti tracciati. Tutti gli spostamenti fisici delle "materie prime" e dei semilavorati nelle varie fasi di lavorazione (estrazione, taglio, raffinazione, lavorazione, assemblaggio, spedizione ai punti vendita e così via) sono registrati in ledger distribuiti. Il ruolo di UL come ente di certificazione è verificare che queste informazioni siano corrette, compito agevolato dal fatto che le varie realtà del consorzio sono già "certificate" per i loro processi tradizionali.

Per i ledger distribuiti di TrustChain è stato scelto l'approccio della permissioned blockchain. Per ovvi motivi di sicurezza, può intervenire sui ledger solo chi è stato autorizzato da tutte le parti già attive in TrustChain. IBM sottolinea che questa è una piattaforma aperta, con l'auspicio di raccogliere altri operatori della supply chain del mercato dei gioielli.
Pubblicato il: 02/05/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce