TrustChain: una blockchain per tracciare la provenienza dei gioielli

Parte negli USA un progetto pilota di iBM: una base blockchain per garantire la correttezza nelle operazioni della supply chain orafa

Trasformazione Digitale
Molte aziende sono interessate a valutare la fattibilità di progetti blockchain ma sono frenate da una semplice constatazione: i casi d'uso concreti sono molto specifici. Escluse le criptovalute, che non si possono considerare un esempio di utilizzo affidabile, si parla molto di blockchain nel mondo Finance e poi nella logistica, specie per le grandi imprese di trasporti. Serve qualcosa di più vicino alla realtà delle aziende per così dire "normali".

Ora IBM ha dato vita a un progetto che presenta elementi potenzialmente trasferibili a molti settori di mercato. L'iniziativa è stata battezzata TrustChain e vede l'utilizzo dei ledger distribuiti come strumento per garantire la trasparenza nella supply chain del settore orafo.

TrustChain è in realtà un consorzio in cui IBM è il fornitore della tecnologia blockchain. Le altre realtà coinvolte sono un ente certificatore (UL), un fornitore (LeachGarner) e un raffinatore (Asahi Refining) di metalli preziosi, un produttore (The Richline Group) e un retailer (Helzberg Diamonds) di gioielli.

L'obiettivo di TrustChain è garantire la provenienza lecita - ed anche etica e sostenibile - dei singoli gioielli. Inizialmente avrà una focalizzazione precisa: tracciare sei tipi di anelli di fidanzamento in oro e diamanti, in modo che entro fine 2018 - i lavori del consorzio sono cominciati oltre un anno fa - chi ne acquista uno possa consultare tutta la sua storia.

diamanti
La blockchain di TrustChain nasce per tracciare la provenienza dei diamanti e dei metalli preziosi che compongono i prodotti finiti tracciati. Tutti gli spostamenti fisici delle "materie prime" e dei semilavorati nelle varie fasi di lavorazione (estrazione, taglio, raffinazione, lavorazione, assemblaggio, spedizione ai punti vendita e così via) sono registrati in ledger distribuiti. Il ruolo di UL come ente di certificazione è verificare che queste informazioni siano corrette, compito agevolato dal fatto che le varie realtà del consorzio sono già "certificate" per i loro processi tradizionali.

Per i ledger distribuiti di TrustChain è stato scelto l'approccio della permissioned blockchain. Per ovvi motivi di sicurezza, può intervenire sui ledger solo chi è stato autorizzato da tutte le parti già attive in TrustChain. IBM sottolinea che questa è una piattaforma aperta, con l'auspicio di raccogliere altri operatori della supply chain del mercato dei gioielli.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori