IT multimodale e mondo software-defined sempre più nel mirino di SUSE

Con Linux Enterprise 15 le tecnologie del data center tradizionale sono sempre più in collegamento con l’infrastruttura software-defined

Trasformazione Digitale Cloud
Rispondere alle necessità dell’IT multimodale, mettendo a disposizione l’infrastruttura software-defined e le soluzioni per il delivery applicativo che permettono a DevOps e operazioni IT di soddisfare le esigenze della trasformazione digitale con maggiore agilità e a costi inferiori. Sono questi gli obiettivi delle novità più recenti di SUSE, fresca di "divorzio" da Micro Focus: Linux Enterprise 15, Manager 3.2 e Linux Enterprise High Performance Computing 15

In particolare, Linux Enterprise 15 di SUSE è un sistema operativo modulare moderno che aiuta a semplificare l’IT multimodale, rende l’infrastruttura IT tradizionale maggiormente efficiente e fornisce agli sviluppatori una piattaforma di riferimento. Il risultato è che i clienti possono effettuare facilmente il deployment e la transizione di workload business-critical su ambienti on-premise e cloud pubblici. Infatti, la piattaforma Linux Enterprise 15 utilizza una base di codice comune per assicurare la mobilità delle applicazioni tra diversi ambienti IT multimodali. L’architettura “Modular+” di SUSE affronta le nuove sfide che i clienti devono risolvere quando provano a innovare all’interno delle infrastrutture IT tradizionali già esistenti e renderle più efficienti. Pensata anche per gli sviluppatori, Linux Enterprise Server 15 facilita la transizione da openSUSE Leap alla versione pronta per essere utilizzata in produzione e supportata. 

Le aziende sono oggi impegnate a trasformare i propri sistemi enterprise per abbracciare le moderne tecnologie agili e occorrono differenti infrastrutture per differenti workload e applicazioni”, ha dichiarato Thomas Di Giacomo, CTO di SUSE. “Questo spesso significa integrare piattaforme basate su cloud all’interno dei sistemi enterprise, combinando lo sviluppo a contanier con quello tradizionale, oppure combinando le applicazioni legacy con i microservizi. Per colmare la distanza esistente tra infrastruttura tradizionale e infrastruttura software-defined, SUSE ha creato un sistema operativo multimodale, SUSE Linux Enterprise 15”. 

Inoltre, la nuova release 3.2 di SUSE Manager propone funzionalità dedicate all’abbattimento dei costi, al miglioramento dell’efficienza DevOps e alla facilità nella gestione di grandi deployment complessi su infrastrutture IoT, cloud e container, attraverso un unico tool che gestisce e mantiene tutto, dai dispositivi edge fino agli ambienti Kubernetes. Infine, SUSE Linux Enterprise High Performance Computing 15 costituisce un prodotto a parte rivolto al crescente mercato delle infrastrutture di High Performance Computing, essenziali per supportare le attività analitiche avanzate come AI e machine learning, al quale propone un set completo di tool, supportati e progettati per ambienti di parallel computing, comprendenti la gestione di workload e di cluster.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori