Logo ImpresaCity.it

RSA annette Fortscale per ampliare la piattaforma automatizzata di Threat Defense

L’analisi dei dati relativi all’attività degli utenti è nel mirino dello specialista di sicurezza, che intende rafforzare l’individuazione delle minacce difficili da rilevare

Redazione Impresacity

Proseguono le acquisizioni anche nel campo della sicurezza informatica. Questa volta è di turno RSA, che ha annunciato l’intenzione di acquisire Fortscale, un pioniere nell’ambito della behavioral analytics. L’analisi dei comportamenti è uno degli aspetti sui quali si sta più concentrando l’attenzione degli esperti, allo scopo di realizzare soluzioni in grado di controbattere efficacemente alle crescenti minacce di sicurezza. Ed è proprio l’ambito UEBA, acronimo di User and Entity Behavioral Analytics, cioè l’analisi dei dati relativi all’attività degli utenti, che costituisce l’obiettivo dell’acquisizione di Fortscale da parte di RSA, che intende così fornire ai clienti nuove funzionalità attraverso la piattaforma NetWitness.

Più in dettaglio, NetWitness UEBA supera gli ostacoli che le soluzioni stand-alone hanno finora incontrato a causa dei loro costi elevati e la necessità di risorse dedicate, in quanto richiede una personalizzazione minima e non prevede alcun tuning manuale, mentre il suo motore three-tier brevettato e basato su analytics di tipo machine learning non richiede supervisione e individua automaticamente e con maggiore precisione le minacce note e non note che i sistemi basati su regole non riescono a individuare.

Tutto questo avviene grazie a Fortscale, che facilita l'identificazione automatica delle deviazioni dai normali comportamenti degli utenti, per identificare le minacce rischiose e precedentemente difficili da rilevare. Comprendendo il comportamento, Fortscale può infatti evidenziare potenziali rischi come la condivisione di credenziali degli utenti, l'abuso di account di utenti con elevati privilegi, le anomalie legate alla geo-localizzazione e all’accesso da remoto. Le aziende sono così in grado di individuare le minacce sconosciute che possono nascondersi nell'enorme volume di dati di sicurezza tipico degli ambienti IT complessi di oggi, senza dover affrontare pesanti interventi di installazione, manutenzione o controllo da parte degli analisti.

rsa netwitness
Nell’occasione, RSA ha anche introdotto la nuova versione della piattaforma RSA NetWitness, che supporta i team di sicurezza nell'identificare e rispondere alle minacce in continua evoluzione, oltre a due nuove soluzioni, NetWitness UEBA e NetWitness Orchestrator, pensate per rafforzare ulteriormente l’infrastruttura di SIEM evoluto e la piattaforma di threat defense, divenendo un elemento centrale per i team che si occupano di sicurezza.

In particolare, NetWitness Orchestrator combina l'orchestrazione, la gestione degli incidenti e l’investigazione interattiva in ambito security, utilizzando funzionalità di machine learning per scandagliare interazioni e investigazioni passate per suggerire assegnazioni di attività agli analisti, perfezionare i playbook e identificare la migliore linea d'azione per le indagini. I team di sicurezza ora possono modernizzare le proprie operazioni di sicurezza riducendo simultaneamente i tempi di remediation, mettendo a punto processi di incident management consistenti e con corretti livelli di audit, incrementando oltretutto la produttività degli stessi analisti.
Pubblicato il: 10/04/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud