Logo ImpresaCity.it

EuroHPC: la UE vuole investire un miliardo di euro in HPC

La Commissione Europea con EuroHPC propone un piano di investimenti per realizzare una infrastruttura comunitaria di supercomputing

Redazione Impresacity

I supercomputer, o più correttamente i sistemi di High Performance Computing (HPC), stanno diventando sempre più importanti non solo per i centri di ricerca ma anche per le normali imprese, perché in molti ambiti permettono di progettare e sviluppare meglio e più velocemente nuovi prodotti e persino nuovi materiali. Da questo punto di vista l'Europa è in una posizione di svantaggio, dato che nel Vecchio Continente ci sono relativamente pochi sistemi di HPC.

Questa situazione è un danno per la competitività dell'Unione, sostiene la Commissione Europea, che per questo ha definito un piano di investimenti per la realizzazione di una infrastruttura di supercomputer a livello continentale. A tal fine è stata creata una struttura legale specifica - EuroHPC Joint Undertaking – che si occuperà di acquistare, realizzare e installare negli Stati membri i nodi HPC di questa infrastruttura. EuroHPC serve anche a stimolare la ricerca nello sviluppo di nuove tecnologie hardware e di metodologie software per l'High Performance Computing.

hpc

L'investimento previsto per EuroHPC è di circa un miliardo di euro da qui al 2020. Più precisamente, l'Unione stanzierà 486 milioni di euro e una somma analoga è prevista come stanziamento da parte degli Stati membri. Altri contributi dovrebbero venire dal settore privato, dato che le risorse della nuova infrastruttura tecnologica saranno messe a disposizione delle imprese europee.

Gli investimenti sono il pre-requisito delle attività concrete di EuroHPC, che opererà dal 2019 al 2026. Il primo obiettivo "materiale" è la messa in opera di due supercomputer di classe pre-exascale (quindi nell'ordine dei cento milioni di miliardi di operazioni al secondo, o cento petaflop) e di almeno altri due sistemi HPC di classe inferiore (nell'ordine dei dieci petaflop). Parallelamente saranno avviati i programmi di sviluppo per arrivare a un supercomputer europeo di classe exascale, quindi con potanza nell'ordine del migliaio di petaflop. L'obiettivo è arrivarci entro il 2022-2023.
Pubblicato il: 12/01/2018

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud