▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

NetApp, con l'AI cresce la necessità di uno storage dei dati unificato

Lo rivela il Data Complexity Report 2023, che indica anche che l’innovazione flash è considerata la chiave per affrontare la complessità della gestione ibrida dei dati

Tecnologie

Da NetApp arrivano i risultati del Data Complexity Report 2023, studio globale che analizza le esigenze delle aziende in termini di storage dati.

Secondo il rapporto, frutto di una indagine condotta lo scorso autunno su 1.000 manager C-Level, tech e dati in tutto il mondo, per molte aziende la transizione al cloud non è stata un percorso lineare. Tre manager su quattro, che hanno in programma di spostare i workload nel cloud, attualmente li hanno ancora per la maggior parte on-premise. Tuttavia, l'adozione dell'intelligenza artificiale è il principale motore di transizione al cloud e il cloud è uno dei principali fattori che favoriscono l'adozione dell'intelligenza artificiale. Gli IT manager a livello globale (39%) affermano che la loro principale esigenza per l’innovazione Flash è quella di ottimizzare le prestazioni, i costi e l'efficienza dell'AI.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

A proposito di Intelligenza Artificiale, il 72% degli intervistati utilizza l'AI generativa e il 74% sfrutta i servizi di AI e di analisi offerti dai cloud provider pubblici. Tuttavia, l'implementazione dell'AI comporta una serie di sfide complesse: secondo lo studio, la sicurezza dei dati (57%), l'integrazione dei dati (50%) e lo skill gap (45%) continuano a rappresentare delle barriere.

Nel frattempo, i leader IT continuano a chiedere maggiori finanziamenti, dato che quasi due terzi (63%) dei budget per l'AI provengono da nuovi finanziamenti invece che da riallocazioni di budget, e il 65% dei CXO e degli IT manager prevede di coinvolgere nuovi fornitori man mano che l'importanza dell'AI all'interno della loro infrastruttura aumenta.


Davide Marini, Country Manager Italia di NetApp

Nell'era dell'AI, le minacce alla sicurezza continuano a essere molto sentite dai C-level e dai responsabili IT. Secondo il rapporto, l'87% dei CXO e dei membri del consiglio di amministrazione ha indicato il ransomware come una priorità elevata o massima, mentre più della metà (55%) ha dichiarato che la mitigazione degli attacchi ransomware è la priorità principale della propria azienda. Il 40% degli intervistati ha classificato le minacce alla sicurezza e alla privacy dei dati tra le principali cause di complessità della propria infrastruttura di archiviazione.

Guardando al futuro dello storage Flash, l'impatto dell'intelligenza artificiale sulle decisioni di acquisto e sulle aspettative di innovazione è innegabile. Secondo lo studio, il 39% degli intervistati desidera soluzioni di storage Flash che ottimizzino le prestazioni dell'intelligenza artificiale.

Anche la sicurezza e la privacy dei dati sono al centro dell'attenzione quando si parla di innovazione dello storage. Il 61% dei manager IT ha citato la sicurezza o la privacy dei dati tra le principali aree in cui desidera vedere innovazioni nella progettazione dello storage Flash nei prossimi tre anni. "Se da un lato la protezione contro il ransomware richiede un'architettura full-stack cyber-resiliente, dall'altro i leader ricercano sempre più quei fornitori di storage in grado di offrire garanzie per il recupero dei dati dopo un attacco ransomware", commenta Roberto Patano, Senior Manager Systems Engineering di NetApp.

Infine, la sostenibilità è stata una terza area di innovazione prevista, con la richiesta di hardware e software più efficienti dal punto di vista energetico e raccomandazioni automatizzate per la riduzione dell'energia e delle emissioni di CO2 in cima alla lista.

"Le aziende si trovano ad affrontare un panorama tecnologico complesso, con rischi per la sicurezza e di pressioni per stare al passo con tecnologie emergenti come l'AI, riducendo al contempo l'impatto ambientale. Il Data Complexity Report sottolinea che, in mezzo a questa complessità, sono necessarie soluzioni innovative di storage Flash abilitate al cloud per rispondere alle esigenze in evoluzione dell'AI, migliorare l'efficienza e rafforzare la resilienza contro le crescenti minacce informatiche all'interno dell'ecosistema dei dati. I carichi di lavoro moderni richiedono uno storage Flash pensato per garantire velocità, scalabilità, sicurezza e sostenibilità", conclude Davide Marini, Country Manager Italia di NetApp.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Networking - Alla scoperta delle nuove reti aziendali

Reportage

Fortinet Security Day Milano & Roma

Speciale

AI Generativa

Speciale

Sviluppo Software

Speciale

L’Ecommerce B2B in azione

Calendario Tutto

Set 10
Kaspersky - NIS 2 last call, tutto quello che ti serve sapere... prima che sia troppo tardi
Set 19
APETECH 3D - RoadShow by Elmec 3D - Firenze
Set 26
Road to NIS2 - Bari
Set 26
APETECH 3D - RoadShow by Elmec 3D - Torino

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter