AI nelle imprese: è il momento giusto

L'AI Forum di AIxIA lancia il segnale: per diffondere l'AI le basi ci sono, servono però pragmatismo e competenze

Tecnologie
L'Intelligenza Artificiale può costituire uno strumento prezioso per ripensare il nostro modello di sviluppo, insieme a quello socio-economico, in modo da ridurre l'impatto che 7,5 miliardi di persone stanno generando sul pianeta, e l'Europa può portare avanti idee innovative e strategie in questo senso. Due messaggi forti che Piero Poccianti, Presidente di AIxIA (l’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale) ha dato dal palco digitale dell'AI Forum. E che inevitabilmente rimandano ad un tema oggi sempre più di primo piano: il ruolo che l'AI e le tecnologie collegate possono avere all'interno delle imprese.

I tempi per porsi concretamente la questione sono ormai maturi. E da qualche tempo. Non a caso, durante la prossima edizione del World Congress on Computational Intelligence della IEEE Computational Intelligence Society, il più grande evento tecnico al mondo sull'intelligenza computazionale, ci sarà per la prima volta anche un Industry Day, per mostrare le applicazioni industriali di successo basate sul deep learning e su altri approcci collegati all'AI.

In questo senso, anche in Italia "è aumentata la maturità delle imprese, con una crescita importante dei progetti pienamente operativi", spiega Nicola Gatti, Direttore dell’Osservatorio Artificial Intelligence e Docente del Politecnico di Milano. Anche se l'emergenza pandemica ha concentrato lo sviluppo di applicazioni Ai in campi specifici: forecasting (stima della domanda), anomaly detection (per l'individuazione di frodi online), object detection, chatbot, virtual assistant.
piero poccianti presidente aixiaPiero Poccianti, Presidente di AIxIABasta come punto di partenza generale per l'esplosione (positiva) dell'AI nelle imprese? Per Emanuela Girardi, Founder di Pop AI e Membro del Direttivo di AIxIA, sostanzialmente sì. "L’intelligenza artificiale è già utilizzata da molte medie e grandi aziende in modo efficace e sicuro", spiega, e per allargarne ulteriormente diffusione e utilizzo - specie nelle PMI - serve soprattutto "sviluppare piani di formazione per portare le competenze digitali avanzate ai lavoratori". Perché "formare i lavoratori favorirà l’introduzione delle tecnologie di AI nelle aziende e permetterà una maggior partecipazione dei cittadini alla nuova società digitale".

Un ottimismo "trasversale" sulle possibilità dell'AI che potrebbe dover essere declinato in modo diverso da settore a settore. Come sembra intendere Daniele Nardi, Direttore del Laboratorio Nazionale di Artificial Intelligence and Intelligent Systems del CINI, secondo cui "le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale sono ancora largamente da scoprire", ma già ci sono "soluzioni in ambiti specifici, che sono alla portata di sistemi di Intelligenza Artificiale con prestazioni tali da avere un notevole impatto per la nostra economia e per la nostra società".

Sempre tenendo conto che le funzioni e le possibilità legate all'Intelligenza Artificiale possono essere "disruptive" ma in senso negativo: troppo dirompenti per l'ambiente in cui si calano. Oppure, all'opposto, incapaci di rispondere ad aspettative esagerate.
fakurian design brain unsplashInsomma, sottolinea Marina Geymonat, Head of Innovation Lab di Sisal, il modo in cui le soluzioni basate su AI vengono ideate, sviluppate e integrate in azienda ha la sua, notevole, importanza. Molto meglio "Diffondere in azienda la consapevolezza di cosa è e cosa può fare l’AI, ma anche di cosa non è e cosa non può fare. In questo modo ognuno può portare il proprio contributo fattivo e questo garantisce che le soluzioni sviluppate siano veramente utili, concrete e al servizio delle persone", spiega Geymonat.

Il messaggio è quello della concretezza, quindi, ma anche della importanza di dotarsi - o di recuperare all'esterno dell'azienda - delle giuste competenze. "L’AI è una realtà che permette di affrontare temi complessi e di abilitare soluzioni effettivamente dirompenti", spiega infatti Marco Penovich, Head of Data & Analytics di Engineering Ingegneria Informatica. Ma per diventare pervasiva nelle imprese deve seguire un suo percorso di maturazione. "Un percorso che, data la complessità della materia, deve essere corroborato da risultati concreti e tangibili, raggiungibili solo da team altamente specializzati", mette in evidenza Penovich. L'AI, insomma, può fare tanto ma non si improvvisa.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori