Europa Digitale: due miliardi per AI, cloud, cyber security

Al via tre programmi per potenziare la strategia UE sulle tecnologie della digitalizzazione

Mercato e Lavoro
Va avanti il programma Europa Digitale, l'iniziativa dell'Unione Europea a favore della diffusione delle tecnologie digitali tra le imprese e i cittadini del Vecchio Continente. Diffusione che, nelle intenzioni, "accelererà la ripresa economica e plasmerà la trasformazione digitale della società e dell'economia europee". Con particolari benefici per le piccole e medie imprese. Stanno per prendere il via tre nuovi programmi di lavoro che fanno parte dell'iniziativa e che assommano finanziamenti per 1,98 miliardi di euro.

Secondo Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, "Entro il 2030 saranno i dati, il cloud, l'edge computing e il calcolo quantistico a trainare l'innovazione industriale e sociale, creando nuovi modelli di business". In questo senso i due miliardi di euro di investimento annunciati "consentono alle imprese europee di tutte le dimensioni, in particolare le start-up, di cogliere diverse opportunità presenti su mercati in rapida crescita".

I primi inviti per le tre nuove iniziative del programma Europa Digitale saranno pubblicati entro la fine di novembre. Ne seguiranno altri nel 2022. I programmi di lavoro saranno attuati principalmente mediante sovvenzioni e appalti. Alcune azioni saranno attuate in regime di gestione indiretta, e saranno le organizzazioni partner ad occuparsi degli appalti per i necessari sviluppi.
office 1209640 960 720Il programma di lavoro principale è del valore di 1,38 miliardi di euro e prevede diverse attività. Si parte dalla realizzazione di spazi comuni di dati (ad esempio spazi di dati per il settore manifatturiero, la mobilità e la finanza) che faciliteranno la condivisione transfrontaliera dei dati per le imprese. In elenco ci sono poi la realizzazione di un'infrastruttura di comunicazione quantistica sicura per l'UE (EuroQCI), la creazione di strutture di sperimentazione per soluzioni basate sull'AI, lo sviluppo di servizi digitali per l'interoperabilità transfrontaliera di soluzioni per le PA europee.

Parallelamente al programma di lavoro principale la Commissione ha pubblicato due programmi di lavoro specifici. Il primo si concentra sui finanziamenti nel settore della cyber security, con una dotazione di 269 milioni di euro fino alla fine del 2022. I suoi obiettivi sono soprattutto lo sviluppo di competenze relative alla cyber sicurezza e la condivisione delle best practice di settore.

Il secondo programma "minore" è relativo alla creazione di una rete di poli europei dell'innovazione digitale, con un bilancio di 329 milioni di euro fino alla fine del 2023. L'obiettivo di questi poli è permettere alle aziende ed alle organizzazioni pubbliche europee di sperimentare direttamente le tecnologie a sostegno della digitalizzazione. Con più di un occhio non solo alla transizione digitale ma anche a quella "verde".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori