Logo ImpresaCity.it

Pronti per l'addio a Windows 7. E un po' anche al PC.

La fine del supporto a Windows 7 segna anche la fine di un'era per i PC: quella in cui sono stati il principale dispositivo per il personal computing

Domani, 14 gennaio 2020, è la data in cui Microsoft smette di supportare Windows 7. È una data importante. Perché Windows 7 è ancora una piattaforma con cui molte aziende hanno a che fare. Ma anche perché l'addio a Windows 7 chiude di fatto l'era del PC come strumento principale di computing. Non che i PC da domani scompaiano e che Windows 10 non conti, ovviamente. Ma Windows 7 è l'ultimo sistema operativo pensato per un mondo in cui il computing "serio" si faceva con i PC. Mentre tutto il resto era secondario.

Per capirlo basta guardare un po' indietro. Oggi tutti parliamo di quanto possiamo fare, e infatti concretamente facciamo, con il computer che abbiamo sempre in tasca. Ossia lo smartphone. E dibattiamo della potenza dell'app economy. Ma dimentichiamo che tutto questo è storia recente del computing. Il boom dell'iPhone, che ha sdoganato il concetto odierno dello smartphone, inizia concretamente nel 2010, come fenomeno di massa. L'iPad debutta anch'esso nel 2010 e ha bisogno di un paio d'anni per essere una piattaforma per la produzione di contenuti e non solo per il loro consumo.

Questo in generale. Se poi vogliamo considerare in particolare le applicazioni di smartphone e tablet in campo aziendale, aggiungiamo ancora qualche anno. Oggi il mobile/digital workspace è un concetto quasi ovvio. Lavorare da ovunque e in qualsiasi momento è quasi una necessità. Ma anche solo cinque o sei anni fa la "mobile enterprise" non era così scontata.

windows 7Ecco così che al suo lancio Windows 7, che debutta ufficialmente nel luglio del 2009, si trova ad avere un ruolo chiave nella storia del computing, personale ed in azienda. Arriva in una fase in cui desktop e notebook hanno pochi rivali (nelle aziende, di fatto nessuno) e dopo un sistema operativo piuttosto sfortunato come Windows Vista. Non sarà tanto più fortunato, dopo, nemmeno Windows 8. Il che ha contribuito a rendere Windows 7 una piattaforma più che decennale: dal 2009 a inizio 2020. Nessuna altra versione di casa Microsoft ha avuto altrettanta longevità.

Una longevità oltretutto molto concreta. Non solo teorica, legata alle date di rilascio e fine supporto. Secondo i dati di NetMarketShare, sino a un anno fa Windows 7 e Windows 10 viaggiavano ancora appaiate in quanto a quote di mercato. A dicembre 2019, Windows 7 generava ancora un quarto circa (il 26,7 percento) del traffico web. Contro il 54,7 di Windows 10. Tanto per fare un paragone, tutte le versioni di macOS messe insieme superavano di poco l'11 percento.

È ragionevole pensare che anche nelle imprese la quota parte di Windows 7 sia ancora molto elevata. Il passaggio a Windows 10 non è stato affatto indolore. Ed è avvenuta prevalentemente mediante la sostituzione di desktop e notebook con nuovi modelli. Sostituzione che, secondo le cifre del mercato PC, è tra i pochi fattori di spinta del settore. Sono poi tanti gli scenari - ad esempio in campo ICS - in cui la migrazione viene considerata inopportuna. Motivo per cui esiste anche per Microsoft l'opzione di supporto esteso sino al 2023.

pc windows
Ma per la maggioranza delle imprese e dei privati, domani dovrebbe essere davvero la data termine di Windows 7. Passato il 14 gennaio, avere PC con quel sistema operativo non sarà più abbastanza sicuro. Già oggi c'è più di un problema in quanto a difesa di Windows 7 contro i malware. Il salto a Windows 10 è quindi praticamente obbligatorio. E le strade per semplificarlo ci sono.

Ma dopo, in prospettiva? Windows 10 è la piattaforma oggi di riferimento ma vive dinamiche assai particolari, per un OS classico. Oggi anche in campo aziendale si cerca di fare sempre più con smartphone e, in seconda battuta, tablet. Ma soprattutto è in arrivo una nuova generazione di dispositivi con nuovi fattori di forma che richiedono nuovi sistemi operativi.

Avremo notebook e 2-in-1 ancora per lungo tempo, beninteso. Ma i dispositivi a doppio schermo e foldable che hanno popolato il CES 2020 sono promesse concrete, non esercizi di stile. Il loro sistema operativo potrà chiamarsi sempre Windows - come in Windows X - ma con loro si prepara una fase del personal computing tutta nuova. Senza andare a scomodare un futuro ancora più remoto fatto di interfacce vocali, assistenti digitali, automazione spinta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 13/01/2020

Speciali

Speciali

World Backup Day 2020

Webinar

Come abilitare il lavoro da casa… sicuro. Rischi, errori da evitare, regole da seguire