Logo ImpresaCity.it

HP delinea la sua nuova strategia per il printing

L'obiettivo generale è dipendere molto meno dal business dei consumabili, nel mirino ci sono anche diversi settori del printing industriale

Come era stato già anticipato, HP ha messo mano alla sua strategia per il settore printing, modificandola sensibilmente. In un incontro con gli analisti, Tuan Tran, Incoming President Imaging & Printing della società, ne ha spiegato i prossimi passi. Partendo da un assunto di fondo: l'attuale modello di business legato alle stampanti è troppo vulnerabile. L'idea di vendere le stampanti con margini bassi o addirittura nulli, contando sul successivo introito dei consumabili, non sta funzionando più a dovere.

In sostanza, per tutti i settori di utilizzo la concorrenza dei consumabili generici si è fatta troppo forte. Secondo HP e gli altri produttori "di nome" i consumabili generici rappresentano comunque una scelta negativa. Perché non sono fatti davvero su misura per la stampante che li userà e perché non saranno smaltiti a dovere. Ma la loro presenza sul mercato printing si sente e non è possibile ignorarla.

Da qui la decisione di HP di "massimizzare il valore della base installata". Ed anche di "riequilibrare il valore di sistema". In pratica, questo significa che HP ora vede la sua clientela printing divisa in due macro-categorie. In primis ci sono i clienti che vogliono essere fedeli ad HP in tutto, consumabili compresi. Idealmente, per avere la massima qualità possibile nella stampa e nei servizi connessi.
hp printing slide 1A questo tipo di clienti saranno rivolte soprattutto le stampanti di tipo Smart Tank e Neverstop. Sono basate su consumabili HP a lunga durata e danno quindi la certezza, secondo HP, di un funzionamento affidabile e regolare per lungo tempo. Ai clienti fidelizzati sono poi proposti vari tipi di servizi di printing, che nel caso del mondo business diventano anche managed print service.

Il ragionamento di HP vale per gli utenti sia business sia consumer. Ma è evidentemente concentrato sui primi. Anche perché il segmento business office/media vale, nelle cifre di HP, circa 120 miliardi di dollari ed è in leggera crescita. Il segmento consumer printing vale 35 miliardi ed è in deciso calo. Dovendo puntare su qualche mercato, meglio quelli che danno una prospettiva di sviluppo.

Meno fedeltà, costi maggiori

L'altro segmento di utenza considerato comprende chi acquista una stampante HP ma non intende vincolarsi ai suoi consumabili. Sono clienti che apprezzano le qualità dell'hardware HP ma sono poco fedeli dopo l'acquisto. A loro saranno destinate stampanti capaci di usare consumabili generici ma più costose. Proprio perché HP sa di poter trarre valore da questi clienti solo al momento dell'acquisto.

Questa strategia printing è sostenibile? Non tutti gli analisti ne sono sembrati convinti. Il rischio è che una buona fetta dei clienti cerchi comunque i costi più bassi possibili. E che tra stampanti HP economiche ma "vincolate" e stampanti HP "libere" ma più costose della media scelga una terza via. Ossia acquistare stampanti di altri brand e poi usare comunque consumabili generici.
hp printing slide 2Molto dipenderà anche dalla velocità con cui i clienti fedeli adotteranno i servizi di HP. Spostando la profittabilità dell'azienda verso aree più sicure dei consumabili. In questo giocherà un ruolo anche il canale dei distributori e dei rivenditori. Che HP sembra avere intenzione di gestire in maniera più organizzata e coerente.

HP sembra essere cosciente del fatto che il passaggio dal vecchio modello di business a quello nuovo non è banale. Per questo ha intenzione di aggredire segmenti del mercato che sono già attenti alla qualità e ai servizi. Il publishing, la stampa commerciale, il label printing sono tre segmenti ad alta crescita che sono stati citati esplicitamente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 09/10/2019

Speciali

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio