Logo ImpresaCity.it

Industry 4.0: per le aziende italiane speranze ma anche timori

I responsabili degli acquisti si aspettano risparmi dalle tecnologie Industry 4.0, ma si muovono ancora con molta prudenza. Lo dice una indagine Shell.

Redazione Impresacity

Alla fine dello scorso anno, Shell ha coinvolto un campione di quattrocento responsabili degli acquisti di aziende manifatturiere europee (per la precisione di Italia, Francia, Polonia, Germania, Regno Unito, Turchia, Olanda e Spagna) per valutare la loro propensione verso le nuove tecnologie del mondo Industry 4.0. In questo ambito sono state considerate tutte le tecnologie che supportano la digitalizzazione e l'automazione in produzione, come sensoristica, sistemi autonomi, robotica, cloud e Big Data.

I risultati dell'indagine sono positivi, per chi si occupa di tecnologie nelle aziende italiane. Il 94 percento dei responsabili italiani degli acquisti ha dichiarato infatti di usare almeno una tecnologia collegata a Industry 4.0, contro una media europea del 86 percento. Le maggiori percentuali di adozione riguardano le attrezzature autonome (citate dal 60 percento del campione italiano), i sensori (56 percento) e le attrezzature interconnesse in logica Internet of Things (42 percento). Meno comuni le tecnologie basate sui Big Data (28 percento) e la robotica (22 percento).

I responsabili italiani degli acquisti sono favorevoli a Industry 4.0 per un elemento molto concreto: il 90 percento del campione italiano si aspetta, dai macchinari di ultima generazione, una diminuzione dei costi. Ma anche un incremento di produttività è un beneficio atteso: se lo aspetta la metà degli intervistati.

industry40 cognex cover
Tutto bene, quindi? Non proprio: i vantaggi di Industry 4.0 non nascondono alcune perplessità più o meno fondate. Una riguarda i costi di acquisto: il 64 percento degli intervistati italiani ritiene che l’acquisto di nuovi macchinari sia troppo oneroso, specie se si considera che questi vanno a sostituire attrezzature magari meno evolute ma comunque ancora funzionanti.

Qualche dubbio anche sui costi complessivi di gestione, nonostante i risparmi attesi da Industry 4.0. Quello che temono le aziende italiane è innanzitutto che sia difficile recuperare velocemente l'investimento iniziale, in secondo luogo che tecnologie più complesse comportino anche costi di manutenzione maggiori. Indirettamente questi timori sono collegati anche a una mancanza generalizzata di competenze, dentro e fuori l'azienda: il 58 percento del campione vede come un problema la formazione del personale sulle nuove tecnologie, mentre il 50 percento teme di non trovare esperti a cui chiedere supporto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 26/03/2019

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT