Cloudera, se il data warehouse si apre al cloud ibrido

Con Cloudera Data Warehouse, una struttura hybrid e cloud-native che offre portabilità e ottimizzazione dei carichi di lavoro tra cloud pubblici e data center aziendali

Trasformazione Digitale Cloud
Portabilità e ottimizzazione dei carichi di lavoro tra i cloud pubblici e i data center aziendali: ci pensa Cloudera, il pioniere di Hadoop, con Cloudera Data Warehouse, un moderno data warehouse basato sul cloud ibrido per archiviare, analizzare e gestire i dati in cloud pubblici e on-premise. La sua struttura ibrida e cloud-native è in grado di gestire quotidianamente carichi di lavoro da 50 PB di dati, fornire query inferiori al micro-secondo e servire cluster con centinaia di nodi di calcolo.

Com’è ormai evidente, il modello ibrido consente di ottimizzare le scelte in base alle diverse esigenze dell’azienda: il cloud pubblico per la sua elasticità e scalabilità, il multi-cloud per la ridondanza geografica e le possibilità di scelta, e l’on-premise per prestazioni e privacy. Tuttavia, i data warehouse tradizionali e i data warehouse basati sul cloud di prima generazione hanno in genere permesso una sola scelta relativamente al cloud: la loro. Cloudera Data Warehouse aiuta a lavorare con dati controllabili indipendentemente dal fatto che si trovino in un cloud pubblico, multi-cloud o on-premise.

Consentendo il computing, l’archiviazione e il controllo ibridi, o H3, spiega l’azienda, Cloudera Data Warehouse offre l’agilità, la sicurezza e la governance necessarie ai dipartimenti IT aziendali, e la possibilità di analisi in modalità self-service di cui manager e professionisti dei dati necessitano. I clienti scelgono Cloudera Data Warehouse come standard aziendale per cluster hybrid cloud e on-premise grazie alla sua capacità di supportare più casi d'uso operativi e analitici in ambienti con carichi di lavoro misti. Inoltre, Cloudera ha ampliato ulteriormente la sua offerta di data warehouse basati su cloud ibrido con Altus Data Warehouse, un data warehouse as-a-service costruito con la stessa struttura cloud-native di Cloudera Data Warehouse. Altus Data Warehouse offre infatti agilità as-a-service, anche per sfruttare al meglio la flessibilità e le prestazioni del cloud ibrido, funzionalità che i data warehouse cloud di prima generazione non erano in grado di fornire. La soluzione Altus Data Warehouse, oltre a offrire funzionalità di analisi e governance e prestazioni elevate, è anche pronta per il multi-cloud, sia per Microsoft Azure sia per AWS.

"Poiché le aziende raccolgono quantità sempre maggiori di dati per supportare le applicazioni di BI e di analisi, riconoscono la necessità intrinseca di sfruttare il data warehouse scalabile, ibrido e cloud-native di Cloudera, per una flessibilità self-service e informazioni dettagliate in tempo reale", ha sottolineato Anupam Singh, General Manager Analytics di Cloudera. "In sintesi, i data warehouse tradizionali e i data warehouse cloud di prima generazione non sono in grado di fornire le prestazioni, la flessibilità e il controllo di cui le aziende hanno bisogno per soddisfare gli standard di agilità e scalabilità richiesti da un ambiente operativo moderno". 
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

webinar

Sicurezza, privacy, edge e cloud: come gestirli al meglio per ripartire con successo. #DataSecurity, la diretta streaming

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori