Intesa Sanpaolo spinge la ricerca in campo intelligenza artificiale

A Torino nascono due laboratori che mirano a rafforzare l'ecosistema scientifico-imprenditoriale del territorio

Tecnologie Trasformazione Digitale
Le banche sono tra le realtà più interessate alle applicazioni delle tecnologie cognitive e le Università torinesi hanno già sviluppato competenze interessanti in questo stesso ambito. Non stupisce quindi che il Gruppo Intesa Sanpaolo abbia dato vita a una iniziativa collegata proprio all'intelligenza artificiale, incentrata su Torino e mirata anche a stimolare e rafforzare in questo campo l'ecosistema scientifico-imprenditoriale del territorio.

L'iniziativa consiste in una partnership tra il Gruppo Intesa Sanpaolo e la Fondazione ISI che, come indica il suo nome (ISI sta per Innovazione Sviluppo Imprenditoriale), favorisce la competitività delle imprese piemontesi nei processi di innovazione e di crescita imprenditoriale, anche attraverso sinergie con le Università, i centri di ricerca, i poli tecnologici e i laboratori di innovazione. Le due realtà hanno deciso in generale di condividere le competenze in ambito cognitivo e, in prima battuta, di dare vita a Torino a due laboratori di ricerca dedicati allo sviluppo di applicazioni di intelligenza artificiale.

Il primo centro è stato denominato Artificial Intelligence Lab e farà capo a Intesa Sanpaolo Innovation Center, l’acceleratore di impresa che il Gruppo ha fondato e che assiste le startup innovative del territorio nei loro percorsi di crescita e internazionalizzazione. In questo laboratorio si porteranno avanti ricerche in campo AI basandosi su applicazioni e dati concreti, in modo da sviluppare conoscenze utilizzabili da Intesa Sanpaolo. Il focus è quindi la ricerca applicata.
intesa san paolo torinoIl grattacielo Intesa Sanpaolo a TorinoMario Costantini, Direttore Generale di Intesa Sanpaolo Innovation Center, ha spiegato infatti che l'Artificial Intelligence Lab permette di "realizzare un modello di collaborazione innovativo con l'eccellente comunità scientifica e istituzionale già attiva nel territorio ed arricchirla con ricercatori e scienziati internazionali per produrre nuova conoscenza, proprietà intellettuale e vantaggio competitivo per il Gruppo e per i suoi clienti".

Il secondo laboratorio si chiama significativamente Ada Lovelace ed è più orientato alla ricerca pura. Il suo obiettivo principale è infatti potenziare l'ecosistema scientifico del territorio torinese in campo AI, generando "nuove articolazioni scientifiche", pur mantenendo sempre "una forte attenzione verso l'applicazione ai problemi della società".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Webinar

Attacco al cloud, così stanno sabotando la ripartenza. Correre ai ripari, evitare rischi

Speciale

Obiettivo PMI Italiane

Speciale

Stampa gestita: il servizio conquista

Speciale

HPE Innovation Lab NEXT: ripartire con la co-innovazione

Webinar

La cyber security agile per la nuova IT

Calendario Tutto

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori