Logo ImpresaCity.it

Mercato computing: un 2018 in chiaroscuro

Calano i volumi ma cresce il giro d'affari, segno di uno spostamento verso modelli premium nel segmento dei prodotti portatili

Redazione Impresacity

Come avevano già indicato alcune valutazioni trimestrali, il mercato del personal computing resta numericamente in calo. Le proiezioni IDC per tutto il 2018 indicano infatti che il settore (IDC considera il complesso di PC tradizionali, tablet e workstation) registrerà a fine anno una flessione del 3,9% in volumi. Questa flessione proseguirà a un tasso più contenuto (-1,5% l'anno, mediamente) fino al 2022, anno in cui il mercato muoverà 384 milioni di unità circa.

L'altro lato della medaglia è che la flessione in volumi non ne comporta una analoga in valore. Anzi, il mercato nel 2018 chiuderà con una crescita in valore del 3,6% arrivando a un giro d'affari di 237 miliardi di dollari circa.

Il motivo di questa crescita in valore è che la spesa degli utenti si sta spostando verso prodotti con un costo mediamente maggiore che in passato. Questo è vero soprattutto nel segmento dei dispositivi portatili, che sta concentrando la sua attenzione sui 2-in-1, intesi da IDC come i tablet con tastiera staccabile e i notebook convertibili. Più in generale, spiega IDC, c'è una maggiore domanda di prodotti particolarmente performanti che deriva dagli sviluppi in settori come il gaming o la creazione di contenuti per la realtà aumentata e virtuale.
mercato computing idcQuesto scenario favorisce in particolare i notebook ultrasottili e i 2-in-1, che nel periodo considerato da IDC (da qui al 2022) registreranno secondo gli analisti una crescita media annua del 7,8% e del 9,3%, rispettivamente. Risultati interessanti dovrebbero venire anche dal segmento dei Chromebook, che stanno progressivamente uscendo dal segmento education, come hanno anche dimostrato alcuni lanci di prodotto a IFA 2018.

Tutt'altro che esaltanti saranno invece le cifre dei prodotti di concezione più tradizionale. Gaming a parte, l'utilizzo dei PC desktop è limitato al mondo aziendale, che per queste piattaforme ha cicli di refresh molto lunghi. Per questo IDC prevede da qui al 2022 una flessione del 2,7% l'anno. Cifre anche peggiori sono indicate per il segmento dei tablet senza tastiera (-5,3%) e per le mobile workstations (-9,1%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 05/09/2018

Tag: pc notebook

Speciali

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito

speciali

Red Hat Open Source Day 2018, l’open source ridisegna il mondo