Logo ImpresaCity.it

Più open networking e disaggregazione per Cisco

Cisco lancia diverse novità legate ai suoi sistemi operativi, dando ai provider la possibilità di usarli in maniera molto più elastica

Redazione Impresacity

La diffusione del concetto di Software-Defined Networking rappresenta una evoluzione importante per il mondo delle reti, non solo dal punto di vista tecnologico ma anche di mercato. Un numero crescente di aziende, in prima linea i grandi hyperscaler, hanno le competenze per gestire la disaggregazione tra hardware e software di rete. Di conseguenza anche per adottare soluzioni alternative ai classici prodotti di rete monolitici, magari progettandoli in proprio e facendoli realizzare dai produttori ODM.

Cisco sinora ha seguito questa evoluzione con una relativa prudenza, assecondandola in alcuni ambiti ma non nel cuore delle reti perché i service/telco provider in buona parte preferivano architetture di rete stabili e conosciute. Ora però il panorama sta cambiando velocemente - ne è un esempio la "cloudification" della parte di core network delle infrastrutture 5G - e anche Cisco ha deciso di dare un nuovo impulso alle sue opzioni di disaggregazione.

Le novità riguardano in particolare IOS XR, il sistema operativo usato nei router di fascia alta destinati ai service provider. Ne esiste ora una versione software-only destinata proprio a questo tipo di utenti, quantomeno a quelli di loro che vogliono - si spiega - "componenti disaggregati per elettronica, hardware, sistema operativo di rete, automazione e anche servizi, per poi assumersi i compiti di personalizzazione, integrazione, sicurezza e gestione". Queste realtà ora possono implementare IOS XR non solo su router progettati da Cisco ma anche su server x86, su una (ristretta) serie di dispositivi di terze parti e in cloud.

router cisco
IOS XR vede anche ampliato il raggio d'azione delle sue API. In questo modo è possibile richiamare via software le funzioni di instradamento dei pacchetti e di telemetria che sono eseguite dall'hardware. Non guasta poi che Cisco ora preveda vari modelli commerciali di vendita per IOS XR, dalla licenza al pay-as-you-grow.

Le novità riguardano anche IOS XE, il sistema operativo di rete usato per molti router e switch enterprise. Tra questi, gli switch Catalyst 9000 e i router ISR/ASR acquistano ora funzioni di Application Hosting, ossia possono eseguire applicazioni Cisco o di terze parti come container Linux o come macchine virtuali. Qualcosa di simile si può fare anche con NX-OS, il sistema operativo per i dispositivi di rete da datacenter: le unità Nexus 9200 e 9300 possono eseguire anche sistemi operativi alternativi, come Microsoft SONiC.
Pubblicato il: 30/03/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud