Cambia il posto di lavoro, cambia anche la sicurezza

Secondo IDC la progressiva digitalizzazione del lavoro rende l'IT aziendale più vulnerabile, se le policy di sicurezza non coprono tutti i dispositivi coinvolti

Sicurezza Trasformazione Digitale
Una delle principali evoluzioni che ha colpito la gestione del lavoro è che i tradizionali vincoli di spazio e tempo non esistono più. In pratica non conta essere o meno in una sede aziendale e lavorare durante il classico orario d'ufficio: conta invece cosa si fa e riuscire a svolgere bene i propri compiti. Secondo IDC questa evoluzione deriva sia dalla progressiva digitalizzazione dei processi sia dal modo di consumare e scambiare informazioni delle nuove generazioni di lavoratori.

Il cosiddetto "digital workplace" aziendale è una realtà di fatto e questo può portare più efficienza e produttività, oltre che un generale miglioramento della qualità del lavoro. Ma cambiare il modo di lavorare - spiega IDC - significa anche affrontare in modo diverso le esigenze di messa in sicurezza delle informazioni, "sparse" dentro e fuori il perimetro aziendale, collocate o in transito su vari tipi di dispositivi: PC, device mobili, wearable, periferiche e dispositivi intelligenti IoT e di realtà aumentata/virtuale.

analisi statistica

Anche per questo IDC stima che la spesa aziendale in sicurezza endpoint crescerà a livello mondiale dai 4,2 miliardi di dollari investiti nel 2016 a oltre 5,2 miliardi nel 2020, con un CAGR del 4,4 percento. Nello stesso periodo la spesa aziendale in sicurezza per device mobili crescerà da 2 miliardi di dollari a oltre 3, con un CAGR superiore al 10 percento. Saranno i dispositivi IoT e le periferiche gli apparati a cui le aziende dovranno prestare più attenzione, sottolinea IDC, in quanto destinati a diventare i nuovi obiettivi del cybercrimine per penetrare nelle reti aziendali.

Un elemento particolarmente vulnerabile è rappresentato dalle stampanti, così diffuse nelle aziende ma anche poco pensate per la sicurezza. IDC ritiene infatti che in molte aziende le soluzioni e i servizi di sicurezza per la stampa non siano al livello di "solidità" del resto dell'infrastruttura IT. Nella strategia complessiva per la sicurezza IT d'impresa la sicurezza degli ambienti di stampa è spesso trascurata.

Per questa ragione IDC prevede che entro il 2020 le aziende più grandi riallocheranno il 35 percento del loro budget destinato alle soluzioni documentali e di stampa proprio per la messa in sicurezza del parco stampanti e multifunzione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori