Logo ImpresaCity.it

Cambia il posto di lavoro, cambia anche la sicurezza

Secondo IDC la progressiva digitalizzazione del lavoro rende l'IT aziendale più vulnerabile, se le policy di sicurezza non coprono tutti i dispositivi coinvolti

Redazione Impresacity

Una delle principali evoluzioni che ha colpito la gestione del lavoro è che i tradizionali vincoli di spazio e tempo non esistono più. In pratica non conta essere o meno in una sede aziendale e lavorare durante il classico orario d'ufficio: conta invece cosa si fa e riuscire a svolgere bene i propri compiti. Secondo IDC questa evoluzione deriva sia dalla progressiva digitalizzazione dei processi sia dal modo di consumare e scambiare informazioni delle nuove generazioni di lavoratori.

Il cosiddetto "digital workplace" aziendale è una realtà di fatto e questo può portare più efficienza e produttività, oltre che un generale miglioramento della qualità del lavoro. Ma cambiare il modo di lavorare - spiega IDC - significa anche affrontare in modo diverso le esigenze di messa in sicurezza delle informazioni, "sparse" dentro e fuori il perimetro aziendale, collocate o in transito su vari tipi di dispositivi: PC, device mobili, wearable, periferiche e dispositivi intelligenti IoT e di realtà aumentata/virtuale.

analisi statistica

Anche per questo IDC stima che la spesa aziendale in sicurezza endpoint crescerà a livello mondiale dai 4,2 miliardi di dollari investiti nel 2016 a oltre 5,2 miliardi nel 2020, con un CAGR del 4,4 percento. Nello stesso periodo la spesa aziendale in sicurezza per device mobili crescerà da 2 miliardi di dollari a oltre 3, con un CAGR superiore al 10 percento. Saranno i dispositivi IoT e le periferiche gli apparati a cui le aziende dovranno prestare più attenzione, sottolinea IDC, in quanto destinati a diventare i nuovi obiettivi del cybercrimine per penetrare nelle reti aziendali.

Un elemento particolarmente vulnerabile è rappresentato dalle stampanti, così diffuse nelle aziende ma anche poco pensate per la sicurezza. IDC ritiene infatti che in molte aziende le soluzioni e i servizi di sicurezza per la stampa non siano al livello di "solidità" del resto dell'infrastruttura IT. Nella strategia complessiva per la sicurezza IT d'impresa la sicurezza degli ambienti di stampa è spesso trascurata.

Per questa ragione IDC prevede che entro il 2020 le aziende più grandi riallocheranno il 35 percento del loro budget destinato alle soluzioni documentali e di stampa proprio per la messa in sicurezza del parco stampanti e multifunzione.
Pubblicato il: 07/02/2018

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce