Logo ImpresaCity.it

I Cyber Range di Palo Alto Networks sbarcano in Europa

Nasce ad Amsterdam un nuovo centro di formazione e training per i responsabili della sicurezza IT, con la possibilità di testare le proprie competenze "sul campo"

Autore: Redazione Impresacity

Palo Alto Networks ha inaugurato il suo primo centro Cyber Range in Europa. Si trova nella sede che la società ha ad Amsterdam ed è il quarto creato a livello mondiale, dopo i primi due negli Stati Uniti (Reston e Santa Clara) e un terzo in Australia (Sidney). Il nuovo centro europeo dovrebbe essere seguito da altri localizzati nelle Americhe e nella regione Asia-Pacifico.

I Cyber Range sono in sintesi centri di formazione e training dove lo staff IT di un'azienda utente di Palo Alto Networks può migliorare le proprie competenze in tema di cybersecurity e testarle direttamente sul campo in un ambiente controllato. Una parte rilevante dell'attività dei Cyber Range è infatti simulare scenari di attacco più o meno articolati, che vanno dall'infezione di un malware sino agli attacchi DDoS e alle violazioni delle reti industriali SCADA.

Questo "addestramento sul campo" dura diverse ore e può anche vedere coinvolti dipendenti di aziende diverse ma che operano nello stesso settore di mercato, in modo da favorire la condivisione delle informazioni anche al di fuori delle attività formative. Inoltre i partecipanti possono svolgere una molteplicità di ruoli e non solo quello che hanno in azienda, ossia quello dei "buoni". Mettersi invece nei panni di chi vuole violare una rete d'impresa è un buon modo per maturare esperienza nell'identificazione e nella comprensione delle varie forme di attacco.

L'utilità dei Cyber Range, secondo Palo Alto Networks, sta proprio nel fatto che mette chi tutela la sicurezza IT delle imprese a contatto diretto con le tecnologie e le best practice che dovrebbe poi adottare quotidianamente. Una opportunità da sfruttare, secondo la società, considerando che le competenze in campo sicurezza IT sono sempre meno di quelle che dovrebbero e che devono mantenersi sempre aggiornate.
Pubblicato il: 16/01/2018

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

MWC 2018

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source