Logo ImpresaCity.it

Microsoft Azure accelera anche grazie alle FPGA

Le SmartNIC con FPGA permettono di dare alle macchine virtuali un throughput di rete sino a 30 Gbps, togliendo ai processori dei server il carico di lavoro legato al networking virtuale

Redazione Impresacity

Già alla fine del 2016 Microsoft aveva spiegato che le architetture hardware convenzionali stavano diventando un limite nella gestione virtualizzata del networking in Azure, rendendo necessari approcci diversi. Ora la casa di Redmond ha dato concretezza a quella visione rendendo disponibile su Azure l'opzione Accelerated Networking, associabile a qualsiasi macchina virtuale Windows o con le distribuzioni più recenti di Linux.

L'opzione di Accelerated Networking offre alle macchine virtuali di "vedere" un throughput di 30 Gbps (al massimo) nelle comunicazioni di rete e, soprattutto, una latenza molto bassa e costante. Questo è possibile perché la gestione delle funzioni di Software-Defined Networking di Azure sono passate dalle CPU dei server alle cosiddette SmartNIC, moduli basati su FPGA invece che su normali ASIC.

azure fpga

Il vantaggio derivante dall'adozione di FPGA per la parte di gestione delle funzioni di rete virtualizzate è duplice, secondo Microsoft. Innanzitutto in questo modo le CPU dei server sono scaricate di calcoli comunque "importanti", recuperando così potenza di calcolo per le macchine virtuali. Da un punto di vista più tecnico, poi, il fatto che le FPGA siano programmabili permette di creare un collegamento diretto tra le policy di rete e l'hardware che instrada il traffico. Inoltre le SmartNIC possono essere "istruite" anche per altri compiti, come la cifratura del traffico o la gestione delle QoS.

L'utilizzo di acceleratori esterni alle CPU per alcune funzioni del cloud è sempre più esteso, almeno per quanto riguarda i principali cloud provider. AWS ha già presentato ad esempio alcune applicazioni pratiche derivate da Nitro, una architettura in cui le funzioni di networking sono delegate ad ASIC sviluppati in autonomia (grazie all'acquisizione di Annapurna.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 08/01/2018

Speciali

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito