Avaya è ufficialmente fuori dal Chapter 11

La ristrutturazione è durata circa un anno e ora Avaya punta tutto su contact center e unified communications

Mercato e Lavoro
Avaya ha annunciato di essere ufficialmente uscita dal Chapter 11, ossia dalla forma di protezione prevista dalla legge fallimentare statunitense per permettere alle aziende in crisi di provvedere a una profonda ristrutturazione per risanarsi e poi tornare alla normale operatività. È grosso modo equivalente alla amministrazione controllata prevista nella normativa italiana e Avaya l'aveva chiesta circa un anno fa.

Secondo Avaya la ristrutturazione è ormai conclusa e ha portato alla creazione di una società più focalizzata, con meno debiti e con oltre 300 milioni di dollari in cassa. La migliorata situazione finanziaria dovrebbe ora permettere ad Avaya - ha sottolineato il CEO Jim Chirico - di investire nei mercati dei contact center e delle unified communications, che di fatto sono ormai l'ambito unico di attività dell'azienda.

Chirico ha anche sottolineato che Avaya sta completando la sua "transizione verso [essere] un fornitore di software, servizi e soluzioni cloud". Tutto ciò che non appartiene a questa categoria è stato infatti ceduto nel corso della ristrutturazione, in particolare la parte networking è stata passata a Extreme Networks.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori