IDC: cybersecurity, la guerra cambia anche le strategie aziendali di sicurezza e privacy

Una survey evidenzia un aumento degli incidenti di sicurezza IT dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina: per i CISO europei occorre una nuova consapevolezza

Sicurezza

Oggi la guerra informatica, detta anche cyberwarfare, è uno strumento di punta dell’arsenale globale: ogni organizzazione, pubblica e privata, deve muoversi rapidamente rafforzando la sicurezza delle infrastrutture IT per prevenire potenziali interruzioni o danni, anche catastrofici. E questo indipendentemente dalla collocazione sullo scacchiere geopolitico. Secondo una survey condotta ad aprile da IDC su un campione di CISO europei, gli effetti sulle aziende della guerra in corso non si sono fatti attendere: il 20% degli intervistati ha infatti evidenziato un aumento degli incidenti di sicurezza IT come probabile conseguenza proprio del conflitto.

Il 35% dei CISO europei intervistati da IDC ha poi affermato che la guerra ha causato un cambiamento nelle strategie aziendali di sicurezza e privacy, e quasi l'80% ha ammesso che le loro organizzazioni avrebbero bisogno di una maggiore resilienza informatica.

Anche i principali fornitori di sicurezza segnalano un aumento delle attività e un incremento della domanda di soluzioni per il rilevamento avanzato delle minacce e l’analisi e risposta agli incidenti. La resilienza IT, in uno scenario come l’attuale, diventa la più alta priorità per Stati e imprese. IDC prevede una situazione simile a quella del primo anno della pandemia: anche se la spesa IT si è complessivamente contratta, la sicurezza è stata l'area in cui le aziende si sono sentite obbligate a mantenere o addirittura aumentare gli investimenti in risposta all'aumento percepito del rischio.

“Così come la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi, il Web sta diventando la continuazione della guerra con altri meccanismi: non ci riferiamo soltanto agli attacchi cyber alle infrastrutture critiche di una organizzazione o di una nazione, ma anche al confronto tra narrative conflittuali per raccontare le realtà e influenzare l’opinione pubblica”, sottolinea Giancarlo Vercellino, associate director research & consulting di IDC Italia. “Le vicende di questi ultimi mesi mettono in evidenza come esista una dimensione etica della comunicazione che prescinde i mezzi impiegati per comunicare, ma coinvolge in prima persona tutti coloro che gestiscono la sicurezza delle nostre infrastrutture digitali”.

Gli effetti della guerra informatica sulle strategie di sicurezza delle imprese italiane sarà uno degli argomenti al centro dell’IDC Security Forum 2022, l’annuale appuntamento di IDC con la community dei technology vendor e dei security leader aziendali in programma in presenza all’Hotel Melià di Milano e in diretta streaming il prossimo 9 giugno 2022.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter