Europa: dal cloud pubblico il tre percento del PIL

Secondo IDC, il public cloud in Europa Occidentale ha creato una supply chain che rappresenta il 2,7% del PIL

Trasformazione Digitale

Valutare il giro d'affari dei cloud provider è una cosa, altro è cercare di capire il peso che il cloud ha ormai raggiunto nell'economia europea. Ha cercato di farlo IDC con un nuovo studio che valuta l'impatto a largo spettro dei servizi di cloud pubblico in Europa Occidentale. In termini sia economici - di percentuale del PIL europeo, cioè - sia di forza lavoro coinvolta. E quindi anche posti di lavoro generati indirettamente nel tempo.

Le valutazioni sono, prevedibilmente, positive e in crescita. Il cloud europeo continua a crescere con percentuali di incremento anno su anno a doppia cifra, sottolinea IDC. Questo perché le aziende europee di ogni settore investono in servizi di cloud pubblico per supportare le loro iniziative di innovazione. La pandemia ha solo accelerato questo fenomeno, visto che anche in Europa i servizi cloud sono stati considerati come la base per avere più efficienza, innovazione, elasticità, resilienza.

Non soprende quindi come IDC sottolinei che nel corso degli ultimi cinque anni il public cloud è cresciuto più di ogni altro comparto dell'IT europea. Ne hanno guadagnato in primo luogo i cloud service provider, ovviamente. Ma non solo loro: intorno ai provider e alle aziende che usano il cloud si è man mano creato un vero e proprio ecosistema esteso, che ha sfruttato la crescita del cloud per crescere esso stesso. Nel valutare l'impatto macroeconomico del cloud, spiega IDC, va considerato anche questo aspetto "collaterale".

Così IDC stima che nel 2020 tutta la supply chain del cloud pubblico abbia prodotto qualcosa come 500 miliardi di dollari, pari a circa il 2,7% del PIL complessivo dell'Europa Occidentale. Una cifra che è cresciuta molto negli ultimi due anni, con un picco nel 2020 a causa della digitalizzazione anche forzata spinta dalla pandemia. Lato occupazione, IDC stima che l'ecosistema esteso del cloud coinvolga circa 1,3 milioni di lavoratori, pari allo 0,9% degli occupati europei. Il fatto che meno dell'uno percento della forza lavoro dell'Europa Occidentale produca quasi il tre percento sel suo PIL è un segno, spiega IDC, dell'alta produttività del settore cloud.

Queste valutazioni sono confortanti per i cloud provider ma ne deve tenere conto anche la politica, secondo gli analisti di IDC. Sia i primi che la seconda devono comunque definire le proprie strategie per lo sviluppo del cloud. E in questo è importante poter dare una valutazione del public cloud come creatore di valore in generale, non solo come base tecnologica abilitante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori