Epson punta sulla open innovation

Epson mira a un'innovazione che viene anche dal basso. Prime applicazioni in campo nuovi materiali e nuove tecnologie.

Trasformazione Digitale
Prima l'annuncio di un investimento da oltre 750 milioni di euro per l'innovazione tecnologica sostenibile. Ora un nuovo impegno sul fronte ricerca e sviluppo (R&S) con investimenti futuri per lo sviluppo di nuovi materiali e di nuove soluzioni in grado di ridurre l'impatto ambientale. Sono le ultime iniziative di Epson in campo innovazione, che tra l'altro puntano ad un approccio "bottom up" (dal basso verso l'alto) nell'innovazione in generale. Con l'obiettivo di ridefinire le modalità alla base dell'ideazione e della commercializzazione dei propri prodotti.

Epson punta sostanzialmente ad una propria forma di open innovation. Attraverso una maggiore apertura che, nelle intenzioni, consentirà ai dipendenti di identificare e condividere più rapidamente le nuove opportunità. I dipendenti riceveranno il sostegno necessario per condividere nuove idee e collaborare al loro sviluppo, mantenendo il focus sulla sostenibilità delle soluzioni. Non solo: per garantire una cultura aperta, spiega Epson, il processo di cambiamento includerà anche la consultazione dei dipendenti in merito all'ambiente di lavoro e ai comportamenti manageriali.

Epson si è inoltre impegnata a non perseguire un'eccessiva crescita dei ricavi, favorendo un profitto equo e promuovendo una società sostenibile tramite partnership e collaborazioni aperte basate sulle tecnologie proprietarie, sui prodotti e sui servizi dell'azienda. La società giapponese potrà inoltre contare su Epson X, un fondo di venture capital nato nel 2020 con un investimento iniziale di quasi 38 milioni di euro per accelerare la collaborazione e l'open innovation.
01 eos factory future"Affinché l'innovazione porti davvero a una trasformazione - ha dichiarato Yoshiro Nagafusa, Presidente di Epson Europa - è necessario intraprendere un cambiamento culturale e promuovere la collaborazione. L'Open Innovation è un fattore chiave per il nostro futuro: una maggiore collaborazione, le partnership e la condivisione delle conoscenze, infatti, favoriscono lo sviluppo e l'innovazione. Ciò è vero sia internamente all'azienda sia esternamente, in caso di collaborazione con altre entità per la risoluzione di problemi complessi".

I primi frutti di questo approccio di open innovation potrebbero vedersi già in alcuni percorsi già intrapresi da Epson sul fronte dei materiali biodegradabili e riciclabili. In particolare, Epson ha contribuito allo sviluppo di nuove forme di bioplastica nell'ambito di un consorzio di aziende e organizzazioni che comprende, tra gli altri, anche NEC e l'Università di Tokyo. Il frutto di questo lavoro è la pararesina, una nuova e promettente plastica derivata da biomasse che utilizza il paramylon, un polisaccaride tratto dalle alghe marine.

Tramite la sussidiaria Atmix, Epson sta poi lavorando per sviluppare un processo di economia circolare in cui usare la stampa 3D per produrre componenti, tra cui ricambi per auto e parti elettriche, usando polveri di metallo recuperate dai metalli di scarto.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori