Boomi: il futuro è della hyper-automation

Alle aziende oggi serve diventare elastiche e reattive, la hyper-automation è il tassello per farlo superando il peso dell'integrazione di dati, applicazioni, processi

Trasformazione Digitale
Si fa presto a dire integrazione. Oggi le imprese sanno che qualsiasi freno o intoppo nella circolazione dei dati e nella interazione sinergica tra processi e applicazioni diventa un problema, perché introduce quelle rigidità che tutti ora vogliono - giustamente - eliminare. Da qui la necessità di integrare il più possibile le parti dell'IT che supportano i processi aziendali vecchi e nuovi. Ma questa integrazione affronta spesso un duplice problema. Da un lato gli elementi da integrare possono essere davvero tanti e non pensati, all'origine, per operare insieme. Dall'altro lato, l'integrazione deve essere davvero completa, lungo tutto un processo per come viene percepito dal suo fruitore.

In questo senso Boomi parla da un po' di tempo - un anno circa - di Integrated Experience. Una espressione che mette l'accento proprio sulla "esperienza" dell'integrazione applicativa, sul suo fluire organico più che sui singoli "snodi" da velocizzare. Ma anche una espressione con cui Boomi si è data una visione concettualmente semplice ma molto ambiziosa: "permettere alle aziende di collegare istantaneamente clienti, dipendenti, partner e utenti a quello che vogliono". Un obiettivo difficile da conseguire con gli approcci tradizionali all'integrazione, secondo Boomi, ma possibile sfruttando le opportunità del mondo iPaaS.

Certo puntare sull'integrazione as-a-Service in cloud non fa scomparire di colpo gli aspetti tecnici dell'integrazione. Ma per la software house del CEO Chris McNabb è la strada migliore per arrivare ai tre pilastri delle Integrated Experience: una visione integrata e trasversale delle sorgenti dati e delle interazioni con gli utenti (Boomi la chiama "data readiness"), una connettività pervasiva tra tutti i possibili endpoint ovunque essi siano, lo sviluppo di punti di contatto efficaci con i clienti. Potendo "vedere" tutto, in sostanza, diventa anche più semplice metterlo insieme nella maniera ottimale.
google cloud automlAll'evento Out Of This World 2021, Chris McNabb ha aggiunto un altro tassello a questa visione: la hyper-automation. Per realizzare davvero le Integrated Experience serve aumentare il grado di automazione dei processi e dell'integrazione stessa, secondo Boomi. L'iperautomazione ha questo ruolo, poiché affianca all'automazione dei workflow propriamente detta componenti di intelligenza artificiale, machine learning, orchestrazione dei processi, RPA, automazione basata su regole ed eventi. E ovviamente la parte iPaaS, che in casa Boomi è la AtomSphere Platform.

La hyper-automation entra subito nel mondo Boomi attraverso il lancio di un nuovo servizio - Boomi Event Streams - che in sintesi abilita funzioni di automazione basata su eventi. Altre novità in logica iperautomazione dovrebbero trovare spazio su Discover, la libreria di soluzioni preassemblate che si possono collegare direttamente alla propria implementazione di AtomSphere.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori